I verbi modali

Prof. Anna
La lingua italiana,   Verbi

Buongiorno cari lettori e lettrici di Intercultura blog, come state? Oggi parleremo dei verbi modali, come si coniugano e quando si usano.

Buona lettura!

Prof. Anna

I verbi potere, dovere e volere sono considerati verbi modali o servili perchè servono all’infinito che di solito li segue aggiungendo un’idea di possibilità, volontà, obbligo o necessità. Anche il verbo sapere quando esprime una capacità ha valore di verbo modale. Questi verbi hanno la caratteristica di essere seguiti da un verbo all’infinito.

Possono essere usati autonomamente, per esempio: voglio un gelato;non ne posso più; mi devi un favore.

Oppure possono precisare il significato del verbo che li segue all’infinito.

 POTERE

Vediamo come si coniuga il presente indicativo di potere:

io posso
tu puoi
lui / lei può
noi possiamo
voi potete
loro possono

 Il verbo potere indica un’idea di possibilità ed è seguito da un verbo all’infinito:

Possiamo mangiare fuori stasera. ⇒ con questa frase indico la possibilità di mangiare fuori stasera.

 

Molto frequente è l’uso del verbo potere nelle frasi interrogative:

Puoi venire al cinema stasera?

– No, non posso venire (ma anche solo: no, non posso)⇒si esprime l’idea dell’impossibilità di andare al cinema, non perchè non lo si vuole, ma perchè non si può.

Si può usare per chiedere qualcosa in modo gentile:

Posso avere un bicchiere d’acqua per favore?

Puoi aiutarmi ad apparecchiare?

Possiamo usare potere quando vogliamo chiedere il permesso:

Posso usare la tua macchina stasera?

Posso offrirLe qualcosa da bere?

 VOLERE

Vediamo la coniugazione del presente indicativo:

io voglio
tu vuoi
lui / lei vuole
noi vogliamo
voi volete
loro vogliono

 Il verbo volere può essere usato autonomamente: voglio un caffè; volete un caffè?.

Oppure può essere seguito da un verbo all’infinito esprimendo un’idea di volontà.

Si può usare per esprimere un desiderio:

Voglio andare in vacanza!

Vogliamo vivere su un’isola.

Oppure in frasi negative:

Non vogliamo discutere con te.

Non voglio vederti mai più!

In frasi interrogative si può usare per fare una richiesta:

Ragazzi, stasera volete andare a mangiare una pizza?

Vuoi bere un po’ di vino?

Vediamo la differenza tra potere e volere:

Vuoi venire con noi in biblioteca oggi pomeriggio? ⇒in questa frase si chiede se c’è la volontà, il desiderio di andare in biblioteca.

Puoi venire in biblioteca oggi pomeriggio? ⇒ in questa frase si chiede se c’è la possibilità di andare in biblioteca.

DOVERE

Ecco il presente indicativo:

io devo
tu devi
lui / lei deve
noi dobbiamo
voi dovete
loro devono

 Il verbo dovere si può usare in modo autonomo con il significato di essere debitore, dovere restituire:

Ti devo un caffè! ⇒ ti sono debitore di un caffè.

Luca mi deve dei soldi. ⇒Luca mi deve restituire dei soldi.

Può essere seguito da un verbo all’infinito e esprime una necessità:

Dobbiamo andare dal dottore.

Devo fare la spesa.

Può esprimere un obbligo:

Devi rispettare le leggi.

Non dovete bere alcolici quando guidate.

Il verbo dovere si può usare per dare consigli o suggerimenti:

Se vuoi dimagrire devi fare esercizio fisico.

Se ti piacciono le commedie devi assolutamente vedere questo film.

SAPERE

Anche il verbo sapere può avere un valore modale nel significato di "essere capace di".

io so
tu
sai
lui / lei sa
noi sappiamo
voi sapete
loro sanno

 Il verbo sapere può essere usato in modo autonomo con il significato di conoscere: so l’italiano molto bene; sapete l’ora?.

Seguito da infinito assume il significato di "essere capace di":

Marta e Fatima sanno cucinare molto bene. ⇒Marta e Fatima sono capaci di cucinare molto bene.

Marco non sa nuotare. ⇒Marco non è capace di nuotare.

Sapete fare questo esercizio?siete capaci di fare questo esercizio?

 

– No, non lo sappiamo fare.no, non siamo capaci. 

Esercizio:

Scegli la risposta. Quella corretta diventerà verde.

  • 1. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Mi dispiace non posso restare, stasera posso tornare a casa presto.
    • Mi dispiace non posso restare, stasera devo tornare a casa presto.
    • Mi dispiace non devo restare, stasera devo tornare a casa presto.
  • 2. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Volete bere una birra o preferite un analcolico?
    • Dovate bere una birra o preferite un analcolico?
    • Volite bere una birra o preferite un analcolico?
  • 3. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Se voglio passare l'esame, devi studiate di più.
    • Se puoi passare l'esame, vuoi studiare di più.
    • Se vuoi passare l'esame, devi studiare di più.
  • 4. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Se Laura è malata, vuole andare dal dottore.
    • Se Laura è malata, deve andare dal dottore.
    • Se Laura è malata, vole andare dal dottore.
  • 5. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Cosa possamo fare per te?
    • Cosa vogliamo fare per te?
    • Cosa possiamo fare per te?
  • 6. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Stasera non devo uscire perché posso lavorare.
    • Stasera non devo uscire perché volio lavorare.
    • Stasera non posso uscire perché devo lavorare.
  • 7. Scegli la frase senza corretta e con un significato coerente.
    • In questa stanza non poi fumare.
    • In questa stanza non vuoi fumare.
    • In questa stanza non puoi fumare.
  • 8. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Dobiamo fare presto, siamo già in ritardo!
    • Dobbiamo fare presto, siamo già in ritardo!
    • Possiamo fare presto, siamo già in ritardo!
  • 9. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Stasera offro io, ma mi vuoi una cena.
    • Stasera offro io, ma mi puoi una cena.
    • Stasera offro io, ma mi devi una cena.
  • 10. Scegli la frase corretta e con un significato coerente.
    • Ho caldo, posso aprire la finestra?
    • Ho caldo, voglio aprire la finestra?
    • Ho caldo, devo aprire la finestra?

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [161]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Elisabeth scrive:

    Mi piace tantissimo questo sito, grazie per tutto, adesso sono più brava con la lingua italiana perchè ho il tuo aiuto. 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elisabeth, sono contenta che il tuo italiano sia migliorato, continua così!
      a presto
      Prof. Anna

  2. this is very nice.l’m just 3months in italy and need to learn the language,l believe with this l will make it.thanks and God bless you.

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Lenna, benvenuta sul nostro blog!
      un saluto
      Prof. Anna

  3. Nill scrive:

    Sono felicè per potere participare di questo sito!

  4. Claudia scrive:

    io sono principiante .Apprezzo questo blog.
    Grazie e a presto.

  5. josiane scrive:

    sono molto contente di avere scoperto questo sito

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Josiane, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  6. Mickael scrive:

    Bonjourno cedric 😉

  7. Irina scrive:

    Io non riccordo se già lo ho domandato, ma! però voglio sapere come lavorare con il verbo reflessivi al tempo passato prosimo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Irina, affronteremo questo argomento trattando del passato prossimo, ma posso dirti che i verbi riflessivi vogliono come ausiliare sempre il verbo essere. Per esempio: io mi sveglio – io mi sono svegliato; tu ti vesti – tu ti sei vestito.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Sonya scrive:

    Sono contenta e soddisfata rerche ho trovato questo sioto!Mi aiuta tanto per imparare bene lingua l^italiana. Grazie perche esistete….

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sonya sono molto contenta di poterti essere utile e grazie a te per la tua gentilezza.
      Un saluto
      Prof. Anna

  9. angela scrive:

    mi piace questo sito tanto…cosi posso praticare il mio italiano..

  10. Mi piace molto questo sito,perchè sono principiante in italiano e ho un dubbio sul verbi modali e Lei mi ha aiutato ( scusa se sbaglio nel scritto ). Rosa Maria

  11. Angelina scrive:

    Cari lettori e lettrici di intercultura blog,

    Sono un’insegnante d’italiano in Bulgaria e mi chiamo Angelina Lozanova.Purtroppo nel nostro paese mancano i libri coerenti alle nuove esigenze europee dell’apprendimento ed insegnamento della lingua italiana nei corsi specificati.Io ed i miei allievi non abbiamo la possibilità di comprarli.Un corso di 100 ore d’italiano costa ad un allievo 80 euro ed io ricevo 0.50 euro all’ora.
    Vi chiedo,gentilmente di spedirci in Bulgaria i libri di seconda mano e i materiali didattici per qualsiasi livello della conoscenza d’italiano.
    Se avete la possibilita’ potrete mandarmi anche i libri e i materiali in PDF formato.
    Resto alla vostra disposizione per qualsiasi chiarimento alla email: ang.lozanova@abv.bg

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anagelina, come ogni professore, puoi richiedere dei libri saggio gratuiti relativi alle materie che insegni. Il corso di italiano “Noi” copre i livelli A1-A2 del quadro di riferimento europeo e “Noi due” i livelli B1-B2.
      Scrivi un email a vendite@zanichelli.it , spiegando quali corsi tieni e quanti alunni interessati ai libri vi sono.
      Indica di quali testi sarebbe utile ricevere un saggio.
      Ti risponderanno presto e ti diranno cosa è possibile inviarti.
      un saluto
      Prof. Anna

  12. olga scrive:

    Ben fatto. grazie

  13. Grazie tante.
    Da due anni sto imparando l’italiano e ci sono tante cose che ho bisogno di aiuto. Questo sito mi è molto piaciuto.
    Ciao.
    Devanizio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Devanzio, grazie a te per il tuo commento.
      A presto
      Prof. Anna

  14. Serenat scrive:

    Gentile Professoressa Anna,
    Sono in Italia da due anni e sono studentessa nel’università di Dams. Ho un problema e per il questo problema ho bisogno alla Sua consulenza. Allora ho problema di ricordare le parole, se anche studio per 10 ore dopo mi dimentico le parole di nuovo.Quindi ho cominciato naturalmente allontanarmi dalla lingua Italiana e la questa situazione non è bella :/ Non so che con quale modo se studio sarebbe utile?
    Cordiali saluti.
    Serenat

    • Zanichelli Avatar

      Cara Serena, imparare una lingua è sempre un percorso lungo e complesso e ci vuole pazienza, quindi non ti scoraggiare!
      Detto questo potresti provare a dividere quello che devi studiare in piccole parti e, dopo averle lette, provare a ripeterle ad alta voce pù volte scrivendo su un quaderno le parole che per te sono più difficili da ricordare, in modo da creare un elenco di parole insieme al loro significato, a volte scrivere le cose ce le fa ricordare meglio. Sarebbe molto utile studiare con compagni italiani che potrebbero aiutarti e stimolarti. Fammi sapere come va e se hai bisogno non esitare a scrivermi.
      In bocca al lupo!
      Prof. Anna

  15. Anna scrive:

    Buongiorno a tutti!

    Nel testo di un libro ho incontrato la frase: “Sembra che a questo si debba l’incremento delle richieste nei paesi dell’Est europeo”. E sinceramente non mi e’ chiaro il significato di “si” prima della forma verbale “debba”. Che cosa esprime questa parola “si”??? Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, l’espressione “si deve a” significa “è merito di”, “è grazie a”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  16. Anna scrive:

    Il significato l’avevo capito, e’ che non riesco a capire perche’ si usa la forma “si deve” , visto che essa e’ impersonale, ma c’e’ il soggetto – la parola “incremento”. forse sbaglio io, ma vorrei capire che forma e’ “si deve”? Anna, se potesse spiegare dal punto di vista grammaticale (anche profondo) Le sarei molto grata. Un salutone!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, in questo caso la particella “si” introduce una forma passiva: “si deve”; il passivo puà essere formato da questa particella che precede la forma attiva di un verbo di tempo semplice, questa costruzione si può usare solo alla terza persona (singolare o plurale), per esempio: in questo negozio si vendono abiti usati (= in questo negozio sono venduti abiti usati); quindi: “sembra che a questo si debba l’incremento” = “sembra che a questo sia dovuto l’incremento”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. Roberto scrive:

    Bellissima idea, bellissimo sito. Molto utile per chi ha desiderio di conoscenza

  18. florina scrive:

    buona sera io vado in corso per imaprare la lingua italiana,pero voglio comunicare con cualquno,posso mi aiuto,gracie prelirminarmente :))

    • Zanichelli Avatar

      Cara Florina, cerca di parlare italiano con qualcuno oppure, se questo non è possibile, potresti provare a tenere un diario, ovvero un quaderno nel quale scrivi tutti i giorni quello che fai e quello che pensi, se hai delle difficoltà o non sei sicura che quello che hai scritto sia corretto, scrivimi pure, ti aiuterò a correggerlo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. Roberto scrive:

    Questo sito e’ molto utile.

  20. Ilga scrive:

    Salve Prof. Anna,
    ho letto che esiste ancora un verbo modale – solere. Ma non ho mai visto il suo uso. Quanto spesso si usa? O forse invece non si usa più nella lingua italiana contemporanea?

    Ilga

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ilga, il verbo “solere” significa “avere l’uso, la consuetudine”, “essere solito”, questo verbo è poco usato nella lingua parlata, lo si trova in alcune espressioni, per esempio: come si suol dire (=come è abitudine dire).
      A presto
      Prof. Anna

  21. Ilga scrive:

    Grazie mille Prof. Anna,
    Lei è sempre molto gentile.

    Carissimi saluti,
    Ilga

  22. Ciao professoressa Ana piacere, avito in Venezuela sto impariando la lingua Italiana voglio apartenere a questo gruppo come posso farlo
    grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maribel, fai già parte di questo gruppo! Scrivimi quando vuoi se hai dei dubbi o hai bisogno di chiarimenti.
      A presto
      Prof. Anna

  23. Mia scrive:

    Prof. Anna, piacere!

    Si deve dire ‘nel quartiere’ o ‘in quartiere’?
    Grazie,
    Mia
    Brasile

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mia, userò la preposizione articolata “nel” se dopo la parola “quartiere” c’è un aggettivo o un complemento di specificazione, per esempio: “vado nel quartiere vicino a casa tua”, mentre userò la preposizione semplice “in” se non specifico di quale quartiere si tratta e quindi si presume che sia il mio quartiere.
      A presto
      Prof. Anna

  24. Sissi scrive:

    Gentile Prof. Anna

    mi potrebbe chiarire un dubbio?
    Si dice: so cucinare, so guidare
    In quali occasioni il verbo sapere si segue dalla preposizione di? per esempio si dice: so di essere la piu intelligente ?

    La ringrazio in anticipo
    Sissi

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sissi, il verbo “sapere” ha anche la funzione di verbo servile nel caso in cui significhi “essere capace” “essere in grado” in questo caso è seguito da un verbo all’infinito senza una preposizione, per cui “so cucinare” significa “sono capace di cucinare”, mentre “sapere di” significa “essere a conoscenza di” “essere consapevole di”, ti propongo due esempi: “so cucinare bene” significa “sono in grado di cucinare bene”, mentre “so di cucinare bene” significa “sono a conoscenza del fatto che cucino bene”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  25. Sissi scrive:

    Mille grazie!

  26. sara scrive:

    AIUTOOOO!!!!! non ho capito nienteeee!!!

  27. Cara Profesora: Sono messicano e sto imparando l’italiano nella cita del Messico. Io trovo questo sito moltoinetresante, ma una dubbia, quando devo scrivere poter o potere? Mi fa garbuglio…
    tante Grazie per la vostra aiuta.

    Oswaldo Castelán

    • Zanichelli Avatar

      Caro Oswaldo, puoi usare entrambe le forme senza distinzione, diciamo che la forma “poter” fa parte di un linguaggio più letterario.
      Un saluto
      Prof. Anna

  28. lara scrive:

    vorrei sapere come si usano gli aussiliari essere ed avere coi verbi modali al passato prossimo. Grazie, Lara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lara, “dovere, volere, potere” hanno l’ausiliare “avere” se usati autonomamente, quando invece hanno valore modale (cioè seguiti da un infinito) prendono l’ausiliare del verbo che accompagnano: ho parlato: ho dovuto parlare; sono andato: sono dovuto andare.
      A presto
      Prof. Anna

  29. Stefano scrive:

    Cara Prof. Anna,
    oltre alla differenza tra potere e sapere credo sia utile anche spiegare l’uso del verbo riuscire, in quanto, in molte lingue straniere, questi tre verbi sono “riassunti” in un unico verbo.
    Anche la differenza tra i verbi sapere e conoscere è spesso causa di confusione tra gli studenti stranieri.
    Grazie

    Stefano

  30. chiaria scrive:

    moi nombre es chiara!!! y no entiendo ndde nd!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  31. teresa scrive:

    grazie peqhe posso participare molto per essami

  32. lucia scrive:

    muchas gracias, es de mucha ayuda

  33. Alena scrive:

    Cara prof. Anna sono una studentessa dell Orientale di Napoli, facendo delle ricerche per trovare chiarimenti riguardo il caso modale ho trovato questo sito utilissimo . Leggendo qualche commento da parte degli alunni ho contnuato senza fermarmi e mi sono stati molto di aiuto i vostri commenti. Nonostante sia al secondo anno incontro ancora tante difficoltà per quanto riguarda la grammatica italiana ma non mi scoraggio :). Ci tenevo a farle i miei complimenti e farle sapere che consuletò questo sito.
    Cordiali Saluti
    Alena Belmonte

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alena, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  34. Aldo scrive:

    é sempre bello poter ripassare le cose a volte si disimparano, o sono scontate, mi piace questo sito.

  35. sborratore scrive:

    mi piace questo sito

  36. natalia scrive:

    mi piace tanto questo sito .molto interesante e semplica per usarlo!mi sta aiutando molto.28.12.2012

    • Zanichelli Avatar

      Cara Natalia, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  37. Jo Jo scrive:

    Mi piace questo post, perche c`è ha molto esempio .. sono uno nuovo studente,sono a Reggio Emilia.
    bellisimo !

    grazie !

    • Zanichelli Avatar

      Caro Jo Jo, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. lara scrive:

    CARA PROFESSORESSA VORREI SAPERE SE IL VERBO GIUNGERE PORTA IL AUSSILIARE ESSERE O AVERE AL PASSATO PROSSIMO, GRAZIE, LARA

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lara, “giungere” in quanto verbo di movimento vuole l’ausiliare “essere”: io sono giunto.
      A presto
      Prof. Anna

  39. Mi e servito scelto questa pagina

  40. fabio scrive:

    salve professoressa , vorrei sapere se la frase
    “mi devi aver sbagliato per qualcun altro” è corretta. grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fabio, la frase che mi scrivi non è corretta, si dice “mi devi aver scambiato per qualcun altro”.
      A presto
      Prof. Anna

  41. andrea scrive:

    questa frase e giusta solo voglio sapere di cose che potrebbero andare bene

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, non so se ho capito bene la tua domanda, vuoi sapere se è corretta la frase: “solo voglio sapere di cose che potrebbero andare bene”? Se è così, è meglio scrivere: “voglio solo sapere quali sono le cose che potrebbero andare bene”.
      A presto
      Prof. Anna

  42. mi piace moltissimo!

  43. “Perché” si scrive con l’accento acuto e non con l’accento grave. Non è quindi corretto quanto scritto nella frase 6 (perchè, anziché perché)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Martina, c’è un errore che provvederò subito a correggere. Grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  44. Elena scrive:

    Gent.ma Prof. Anna, il verbo “cercare” può essere considerato modale?
    Come fare l’analisi, logica e del periodo, della seguente frase?
    “Cerca di essere un po’ più educato”?
    Grazie mille!
    Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, “cercare” non può essere considerato un verbo modali, infatti una delle caratteristiche di questi verbi è essere seguiti da un infinto senza la preposizione, questo non accade per il verbo “cercare” (cercare di) che nella frase che mi proproni introduce una proposizione oggettiva.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Elena scrive:

    …Mi scusi, Prof, ma ho un altro dubbio.
    Alcuni indefiniti sono aggettivi se accompagnano il nome, pronomi se lo sostituiscono.
    E se accompagnano un pronome, come ad esempio in “Tutti noi abbiamo fatto festa”?
    Grazie ancora!
    Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, per avere funzione di aggettivo deve accompagnare un nome, quindi in questo caso “tutti” è comunque un pronome.
      Un saluto
      Prof. Anna

  46. Cara Prof. Anna

    Per favore: 1- come si fa il passato prossimo con un pronome diretto forte? Esempio per favore.
    2- come si fa il passato prossimo con un pronome indiretto atono e con un pronome indiretto forte?Esempio per favore.
    Grazie mille.
    Maria Helena

  47. Elena scrive:

    Grazie mille per aver chiarito i miei dubbi, Prof. Anna.
    Ma mi resta ancora quello su come eseguire l’analisi logica della frase “Cerca di essere un po’ più educato”.
    Non riesco ad andare oltre a “Cerca”: P.V.
    “Tu”: Sogg. sott.
    E forse “di essere”: C.O.
    E magari “più educato”: C.P.S. (???)
    Grazie ancora per la pazienza!!!
    Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, si tratta di due frasi, in quanto abbiamo due verbi: -cerca= predicato verbale; -di essere: predicato nominale(copula); -più educato= complemento predicativo del soggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  48. Elena scrive:

    ..Scusi la mia pedanteria, Prof. Anna, ma se “di essere” è copula, allora “un po’ più educato” non è nome del predicato?
    Devo averla indotta io in errore, perché nella mia analisi sbagliata avevo considerato “essere” verbo predicativo (lo avevo equiparato a comportarsi…)
    Grazie
    Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, hai ragione, si tratta di nome del predicato perché il verbo è “essere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  49. Elena scrive:

    Grazie Prof. Anna, ora ho le idee chiare! ;))

  50. Pagalas scrive:

    Gentile Profssa
    vorrei sapere se la frase: lo spettacolo del quale io be faro’ parte in qualita’ di attore- regista” eccc,..
    se e’ corretta.
    . Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pagalas, la frase è corretta (non capisco “be”, è un errore di battitura?), potresti anche dire: lo spettacolo a cui prenderò parte in qualità di….
      Un saluto
      Prof. Anna

  51. luana scrive:

    Sapete dirmi qualè il soggetto della seguente frase?
    mi piace raccontare barzellette. (Il verbo piacere è un verbo modale?)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Luana, in questo caso l’intera frase “raccontare barzellette” funge da soggetto di “mi piace” (è una proposizione soggettiva): raccontare barzellette piace a me (piacere non è un verbo modale).
      Un saluto
      Prof. Anna

  52. Ciao Prof.ssa Ana
    Questo sito è davvero molto interessante. Sono studente e per me sono una bendizione.
    Grazie mille.
    Abbraccio a te
    Odilson

    • Zanichelli Avatar

      Caro Oldilson, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  53. Sto migliorando, grazie per il vostro aiuto.Abbraccio.

  54. Gentile Prof.ssa Anna

    è accettabile la seguente frase ipotetica (scritta in una lettera da un cliente di un albergo che ha smarrito il suo cellulare presumibilmente nell’albergo stesso): “Se doveste trovare il mio cellulare, potete chiamarmi a questo numero …”
    O si è costretti a usare la struttura canonica del periodo ipotetico: “Se doveste trovare il mio cellulare, potreste chiamarmi a questo numero …” ?

    La saluto cordialmente
    Giorgio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, la frase che scrivi è accettabile.
      A presto
      Prof. Anna

  55. Marco scrive:

    Prof. Anna ho bisogno di una correzione… la frase ” è bello essere voluto bene” è corretta? perché nonostante creda di si, suona un po’ male.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, la frase non è corretta, puoi dire: “è bello essere benvoluto”, “essere benvoluti” significa essere stimati, riscuotere affetto, oppure puoi dire “è bello essere amato”.
      A presto
      Prof.. Anna

  56. alia scrive:

    grazie per i tuoi auiti

  57. rino scrive:

    Un po’ troppo sempliciotti questi esercizi:-)

  58. rino scrive:

    Un po’ troppo sempliciotti questi esercizi:-)
    Ma nell’insieme un ottimo servizio.

  59. marcos fr scrive:

    Bravo. Ringrazio.

  60. Trovo molto interessante questo post

  61. antonio scrive:

    Qual è il soggetto di frasi del tipo “ci vuole pazienza”?
    E se dicessi “ci vuole pazienza e bontà” dovrebbe essere “Ci vogliono pazienza e bontà”?
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Antonio, il soggetto è “pazienza” infatti nella frase dove i soggetti sono due “pazienza e bontà” il verbo deve essere al plurale (ci vogliono).
      A presto
      Prof. Anna

  62. Miriam scrive:

    Evviva ho fatto tutto bene

    • Zanichelli Avatar

      Molto brava Miriam!
      Un saluto
      Prof. Anna

  63. Rolando scrive:

    Gentile Prof.Anna
    la sua disponibilità sembra pari alla sua pazienza…e colgo anch’io l’occasione.
    Insegno per diletto l’italiano in terra russa,ho incontrato qualche difficoltà nello spiegare perchè nella frase “Vorrei darti quel libro ma non ce l’ho” opposto a …”non c’è più a casa”.
    Come faccio a spiegare ad un parlante russo l’uso di quella particella “ce” o di quella “ve” nella frase “di libri non ve ne sono più” ?
    Grazie

  64. fede scrive:

    Ciaoooo, la mia prof me lo aveva spiegato in modo diverso ma in questo modo lo capisco molto meglio. Grazie a presto, fede

  65. fede scrive:

    Un favore…
    Ma la capacità che vuol dire nei verbi e un’alta probabilitá???????

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fede, non ho capito bene la tua domanda, prova a spiegarmi meglio.
      A presto
      Prof. Anna

  66. ila42 scrive:

    Prof. Anna …ci vuole l’accento o no nelle seguente frase :

    ne educato ne gentile……

    grazie ( nel dubbio )

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ila, la congiunzione “nè” va scritta con l’accento.
      Un saluto
      Prof. Anna

  67. ila42 scrive:

    Prof. Anna …ci vuole l’accento o no nella seguente frase :

    ne educato ne gentile……

    grazie ( nel dubbio )

  68. Prof Anna, per favore sono studante d’italiano e ho un dubbio.
    Quale aussiliare è justo in questo caso?

    Lei non ha riuscito capire.
    Lei non è risucito capire.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Paulo, è corretta la frase: “lei non è riuscita a capire”.
      A presto
      Prof. Anna

  69. Lilla scrive:

    Buongiorno. Vorrei saper se la frase “fai cosa vuoi” è corretta o se è meglio dire “fai quello che vuoi”.
    La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lilla, è corretto dire “fai quello che vuoi”.
      A presto
      Prof. Anna

  70. Mi scusi ho scritto “giusto” di modo sbagliato, con la lettera “J” come si scrive in portuguese.(justo)

  71. Ciao un piacero

    • Zanichelli Avatar

      Caro Version, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  72. dore scrive:

    Salve professoressa Anna, grazie per il materiale. Vorrei sapere perché nella frase “non ne posso più” si usa la particella Ne e non Ci? Grazie!!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Dore, “non poterne” è una forma idiomatica, queste forme verbali si coniugano con uno o due pronomi o particelle pronominali che fanno assumere al verbo un significato diverso da quello originale e sono molto usate nel linguaggio colloquiale, in questo caso significa “essere stanchi di qualcosa”, dove quel “di qualcosa” è espresso dalla particella “ne”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  73. nina scrive:

    salve: ho bisogno di aiuto. devo capire se i verbi modali dovere e potere hanno l’imperativo. in molte griglie non è segnato, ma allora perché volere all’imperativo c’è???? se poi considero le frasi di esempio: vuoi aiutarmi?-puoi dire la verità? -potete stare zitti? volete seguire la lezione? ecc.
    allora mi chiedo: non sono forse questi esempi di imperativo? (imperativo con valore di consiglio-richiesta-esortazione)
    vi supplico di rispondermi, anche in privato… mille grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nina, i verbi servili non hanno l’imprativo, ma si può usare il congiuntivo esortativo: per esempio “vogliate”, mentre nelle frasi che mi scrivi non sono presenti imperativi ma indicativi, il significato stesso di questi verbi esprime talvolta un obbligo o una volontà o una possibilità ed è per questo che non hanno l’imperativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  74. emanuele scrive:

    Buon giorno,
    gentilmente mi può indicare se è corretta o meno questa frase alla fine di una lettera/mail ?
    La ringrazio anticipatamente.

    “Grazie per farmi sapere” o “Ti ringrazio per farmi sapere il prima possibile.”

    Emanuele.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Emanuele, meglio dire: “ti sarò grato se mi farai sapere il prima possibile”.
      Un sauto
      Prof. Anna

  75. emanuele scrive:

    Grazie della risposta!

  76. hh scrive:

    Salve a tutti, spero qualcuno mi risponda…all’improvviso ho avuto il dubbio sul sì (con l’accento) e si (senza accento) nella frase “speriamo di si/sì”…il quesito è… con accento o senza il sì in questa frase?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Hh, in questo caso l’accento ci vuole.
      Un saluto
      Prof. Anna

  77. Giuseppe scrive:

    Salve prof,
    sono felice di venire è un verbo modale , fraseologico o altro?

  78. Nafisa scrive:

    Grande! Grazie mille, l’ho trovato molto utile!

  79. Sono d’accordo con Nafisa. Questa volta, tutti gli esercizi sono stati bene!!! Così l’esame di domani sarà più facile per me.

  80. Marina scrive:

    Buongiorno professoressa. Vorrei sapere il significato del verbo “dovere” in questo caso : devo averti scambiato per qualcun’altro. Non è un’obbligo né un consiglio o suggerimento…grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marina, in questo caso “dovere” significa “essere possibile, essere probabile”: “è probabile che io ti abbia scambiato per qualcun altro (senza apostrofo).
      Un saluto
      Prof. Anna

  81. Pietro scrive:

    mi sembrano esercizi molto facili, grazie di tutto. Ciao

  82. EDITH scrive:

    MI PIACE MOLTO CUESTO SITO. E DE MOLTA AIUTA

    • Zanichelli Avatar

      Cara Edith, benvenuta su Intercultura blog! Se hai delle domande non esitare a scrivermi.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  83. Sono principiante… e questa vostra lession mi ha aiutato tanto con il uso del verbo sapere! Gli esercizii sono bravi…! Milla grazii.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ricardo, benvenuto su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  84. Sonia scrive:

    Grazie. Questo sitio è molto bene.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sonia, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  85. Mi piace molto questo sito, é buono e molto claro per gli studenti d´italiano. Seguirè facendo la visita per aiutare a il mio studio de la lingua. Tante grazie! Saluti da Córdoba, Argentina.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, benvenuto su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande non esitare a scrivermi.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  86. E bellissimo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ahmed, benvenuto su Intercultura blog! Se ha delle domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  87. Mi piacciono molto gli esercizi. grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alba, sono contenta che questi esercizi ti piacciano.
      A presto
      Prof. Anna

  88. Elizabeth scrive:

    Molto utile. Grazie.

  89. Giulio scrive:

    chiedo scusa. non so scrivere bene l’italiano
    Peccato che non c’è, quando dobbiamo utilisare essere o avere
    è voluto andare a piedi – ha voluto mangiare tutta la pasta
    Di tanto in tanto , vengo sul sito Zanichelli – questo sito mi piace

  90. ottavio scrive:

    posso dire a mia moglie .tu non puoi dire ——— e un po troppo imperativo o mi sbaglio?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ottavio, non ti sbagli. Potresti dire: “sarebbe meglio che non dicessi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  91. Flora scrive:

    Gentilissima professoressa, vorrei porle un quesito, più che altro è un dubbio che mi è venuto in seguito ad una discussione con alcuni colleghi. Si tratta proprio del verbo potere che nel testo che avevamo appena letto veniva usato al condizionale qualcuno sosteneva che andava usato al futuro semplice. la frase del testo in questione è la seguente: …Come potremmo fare senza di voi? Una collega sosteneva che fosse sbagliato il condizionale e ha corretto il verbo con potremo. Cosa ne pensa? Grazie se sarà così gentile da chiarirmi questo dubbio.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Flora, la frase con il verbo “potere” al condizionale è corretta, solitamente quando c’è il condizionale nelle interrogative ci sta riferendo a un fatto virtuale, sarebbe corretto usare anche il futuro, in questo caso l’uso dell’indicativo indica che ci si sta riferendo a un fatto reale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  92. ralph scrive:

    benissimo. ho imparato molto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ralph, benvenuto su Intercultura blog. Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  93. cerca uso dell’imperativo

  94. cerca : ecercizio 1 uso dell’imperativo

  95. PROFSSA. Anna, sono conforme. Sono riuscita a fare bene gli esercizi. Tante grazie. Sra. Bardi

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Maria Cristina, continua così!
      A presto
      Prof. Anna

  96. Nelly scrive:

    Tanti grazie..

  97. Irma scrive:

    Grazie mile por questo blog, io sono studentessa di lingue, ma la mia professoressa d’italiano non e molto buona con le lezioni d’italiano, pertanto io studio con questi tipi di blog, mi ha aiutato moltissimo per un esame più difficile.
    Mi piacerebbe imparare l’italiano, credo chi è una lingua bella.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Irma, benvenuta su Interculura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  98. Pietro scrive:

    Bellissimo, molte grazie prof. Anna
    Trovato per caso, immediatamente inserito tra i preferiti. Il test superato 10/10 nonostante il fatto che l’italiano non è la mia lingua madre e l’ho imparato da solo, strada facendo.
    (ma devo/posso/voglio* un po’ lodarmi da solo, [chi altro lo fa, se non io?] ero un po’ avvantaggiato, era la settima lingua che imparavo 😉 )
    *scegliete il verbo corretto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pietro, benvenuto su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  99. Profª Anna, La ringrazio molto, Lei sta faccendo un bravissimo lavoro, mi ha aiutato tantissimo!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gilberto, grazie per il tuo gentile commento.
      A presto
      Prof. Anna