I pronomi personali diretti

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Cari lettori e lettrici di Intercultura blog, oggi affrontiamo un argomento molto importante ovvero i pronomi personali diretti. Questi pronomi sono molto usati dagli italiani e spesso per gli stranieri è un po’ complicato capire quando e come vanno utilizzati. Oltre alla lettura dell’articolo e al relativo esercizio vi consiglio dunque di provare subito a includerli nella vostra lingua parlata, in questo modo vi abituerete fin da ora a usarli in modo corretto.

Buoni pronomi!

Prof. Anna

Nella frase i pronomi personali diretti sostituiscono il nome (un oggetto, un animale o una persona) e svolgono la funzione di complemento oggetto, cioè rispondono alla domanda chi? che cosa?.

Vediamo un esempio:

Oggi compro il giornale (nome-complemento oggetto), compro il giornale in edicola e poi leggo il giornale al bar.

Per non ripetere in ogni frase il nomecomplemento oggetto (giornale), sostituisco il nome con un pronome diretto in questo modo:

Oggi compro il giornale, lo compro in edicola e poi lo leggo al bar.

Dunque i pronomi diretti si possono usare solo con i verbi transitivi, ovvero i verbi che hanno un complemento oggetto.

Osserva la tabella che riporta la terza persona del pronome personale diretto:


Terza persona singolare
Terza persona plurale
Maschile  lo / l’   li
Femminile  la / l’    le

Qualche esempio:

Cerchi l’ombrello? Sì lo cerco. (che cosa? L’ombrello = lo)

Dov’è la sciarpa? Non la trovo. (che cosa? La sciarpa = la)

A chi regali questi fiori? Li regalo a mia sorella. (che cosa? I fiori = li)

Ho perso le chiavi, non le trovo più.  (che cosa? Le chiavi = le)

In un registro formale si usa la terza persona femminile singolare, per esempio: Dottore, c’è un cliente che La aspetta da molto tempo.

I pronomi personali diretti si collocano sempre prima del verbo. Esempio: Bella questa maglia! La compro.

Alla forma negativa la sequenza è sempre non + pronome diretto + verbo. Esempio: Mangi il pesce? No, non lo mangio mai.

 

Lo si usa anche per sostituire un’intera frase. Per esempio: Sai che ore sono? No, non lo so. (lo = che ore sono)

Lo e la diventano l’ quando sono seguiti dal verbo avere nel passato prossimo: hai comprato il pane? Sì, l’ho comprato. Affronteremo meglio questo argomento dopo aver studiato il passato prossimo.

Li e le non si apostrofano mai. Per esempio: Aspettate i vostri amici? Sì, li aspettiamo.

Osserva ora la tabella completa dei pronomi personali diretti.

 

Persona Singolare Plurale
Prima mi ci
Seconda ti vi
Terza maschile lo / l’ li
Terza femminile la / l’ le
Terza riflessivo si si

Qualche esempio:

Luca mi aspetta a casa.

Sonia, ti vedo un po’ stanca.

Io e Marco non riusciamo a fare questo esercizio, ci aiuti per favore?

Se non siete impegnati, vi aspetto domani sera per cena.

ATTENZIONE!

Il pronome si mette dopo o si unisce al verbo:

1- se il verbo è all’infinito, il pronome si può attaccare al verbo all’infinito. Abbiamo in questo caso due possibilità:

Posso guardare la TV?

a- Sì, la puoi guardare.

b- Sì, puoi guardarla.

2- se il verbo è all’imperativo:

Mangia il panino! = Mangialo!

3- se il verbo è al gerundio:

Mangiando il panino, non avrai più fame.  =  Mangiandolo non avrai più fame.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Prendi un caffè?
    • Sì, la prendo.
    • Sì, lo prendo.
    • Sì, prendo lo.
  2. Vuoi una spremuta?
    • No, non lo voglio.
    • No, lo non voglio.
    • No, non la voglio.
  3. A chi mandi queste rose?
    • Mando a mia madre.
    • Le mando a mia madre.
    • La mando a mia madre.
  4. Scegli la frase senza errori.
    • Non ti preoccupare Maria, domani ci sveglio io.
    • Non ti preoccupare Maria, domani ti sveglio io.
    • Non ti preoccupare Maria, domani sveglio io.
  5. Scegli la frase senza errori.
    • Signorina, La posso invitare a cena?
    • Signorina, ti posso invitare a cena?
    • Signorina, mi posso invitare a cena?
  6. Adesso mi senti?
    • Sì, adesso la sento bene.
    • Sì, adesso ti sento bene.
    • Sì, adesso vi sento bene.
  7. Scegli la frase senza errori.
    • Ragazzi, vi aspettiamo a cena.
    • Ragazzi, li aspettiamo a cena.
    • Ragazzi, ci aspettiamo a cena.
  8. Scegli la frase senza errori.
    • Non possiamo restare da voi, vi aspettano a casa.
    • Non possiamo restare da voi, ci aspettano a casa.
    • Non possiamo restare da voi, li aspettano a casa.
  9. Scegli la frase senza errori.
    • Ho visto un cappello che mi piace, voglio lo comprare.
    • Ho visto un cappello che mi piace, voglio comprare lo.
    • Ho visto un cappello che mi piace, voglio comprarlo.
  10. Sai quando ci sono gli esami?
    • Non lo so.
    • Non li so.
    • Non mi so.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [221]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Prof Anna,
    Sono italo-brasiliana e abito in Brasile. Amo questo blog, lo leggo sempre e provo a fare gli esercizi. Adesso sono contentissima con il dizionario on line. Grazie mille:)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, sono contenta che ti piaccia il dizionario on line, è in effetti uno strumento molto utile e comodo.
      Un saluto a te e al meraviglioso paese in cui abiti!
      A presto
      Prof. Anna

  2. Elisa scrive:

    Prof Anna

    Sono una Georgiana.Abito in Italia quasi da 2 anni,faccio la badante 24 su 24,siccome sto sempre a casa,mi aiuta molto questo blog,ma mi imprometto e la dico, che la lingua italiana è difficilissima,sopratutto i pronomi,non mi sn abbituata usarli,perchè la mia lingua è diversissima.La prego gentilmente a continuare le lezioni,la ringrazio di tutto il cuore…Arrivederla prof Anna…..(La chiedo scusa per gli errori)….Elisa

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elisa, non ti preoccupare ogni settimana c’è una nuova lezione e sono sicura che piano piano imparerai benissimo l’italiano, nonostante il tuo lavoro sia molto impegnativo.
      Un grazie di cuore a te per la tua preziosa testimonianza.
      Un grande saluto
      Prof. Anna

  3. Ho appena conosciuto questo sito! Sono argentina, e stavo cercando un listino di verbi che permettono i pronomi diretti e i pronomi indiretti e i combinati. Per lo spagnolo è un grande problema questo dei pronomi, perché nella nostra lingua i verbi che li permettono sono diversi di quelli italiani! aiuto!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Liliana, posso dirti che solo i verbi transitivi (che reggono un complemento oggetto) possono avere un pronome diretto, mentre i verbi intransitivi, non avendo un complemento oggetto, non possono reggere un pronome diretto. Puoi provare a cercare quindi una lista di verbi transitivi e di verbi intransitivi.
      A presto
      Prof. Anna

  4. Cesare scrive:

    Sono Brasiliano, ho vissuto quatro annni in Italia, e nom pratico a piu de 10 anni, credo che questo blog me aiutara molto!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cesare, sono contenta che il nostro blog ti sia di aiuto.
      Buono studio!
      Un saluto
      Prof. Anna

  5. Liliana scrive:

    Prof.ssa Anna, voglio sapere se esiste qualche differenza tra l`uso di metterci e volerci.Ê lo stesso usare uno o l`altro con il significato di : essere necessario “tempo”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Liliana, entrambi i verbi hanno il significato di tempo necessario, ma si usano in modo diverso, per esempio: “io ci metto un’ora per andare al lavoro” in questo caso il soggetto sono io, infatti il verbo è coniugato alla prima persona singolare, e il tempo, in questo caso un’ora, è il complemento oggetto; mentre “ci vuole un’ora per andare al lavoro” il soggetto è il tempo, in questo caso un’ora, infatti il verbo è coniugato alla terza persona singolare. Volerci ha più in generale il significato di “essere necessario” anche in altri contesti, per esempio: “per fare una torta ci vuole la farina” anche in questo caso “la farina” è il soggetto, per cui quello che è necessario diventa il soggetto della frase. Spero di avere chiarito il tuo dubbio, se hai ancora delle incertezzee non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  6. Andreina scrive:

    Prof. Anna,

    Non capisco la tabella completa che hai messo. Perche avevo imparato che i pronomi personali diretti solo erano: lo/la-le-li. per cose e por persona. Perche metti qui mi/ti/ci/vi???
    Nel esempio: “Non possiamo restare da voi, ci aspettano a casa” che sostituisce il ci??? il ci non é indiretto??

    • Zanichelli Avatar

      Cara Andreina, sono pronomi diretti anche mi-ti-ci-vi, esempio: “non possiamo restare da voi, ci aspettano a casa = aspettano NOI a casa” in questo caso il ci è diretto, perchè funge da complemento oggetto e risponde alla domanda “chi?”. Altro esempio: “ci piace la pizza=la pizza piace A NOI” in questo caso ci è indiretto perchè funge da complemento indiretto e risponde alla domanda “a chi?”.
      Spero che sia chiaro, se non lo è non esitare a scrivermi!
      A presto
      Prof. Anna

  7. Tania scrive:

    Prof. Anna,
    non riesco a capire la differenza tra “gli” e “li”. Per esempio: “Gli sto scaricando” (I film) oppure: “li sto scaricando” ?
    Mi potrebbe rinfrescare un pò la memoria con qualche regola?
    La ringrazio.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Tania, GLI è un pronome indiretto e significa “a lui” “a loro”; mentre LI è un pronome diretto alla terza persona plurale con la funzione di complemento oggetto. Quindi per esprimere un complemento indiretto userò GLI: “sto scaricando un film a lui” perciò “gli sto scaricando un film”; mentre per esprimere un complemento oggetto userò LI: “ho comprato dei libri in libreria, e li (i libri-complemento oggetto) ho regalati a Marco”. Se hai ancora dei dubbi non esitare a scrivermi.
      a presto
      Prof. Anna

  8. svetina scrive:

    CIao prof.Anna,mi scuso della domanda un pò sciocca,ma io so,che i pronomi sono diretti e indiretti ecc.Rileggendo certe cosè,sono in confusione tra i termini :pronomi personali compl.oggetto:forme atone e pronomi personali complemento termine:forme atone.Vorrei capire e la stessa cosa,diretti e indiretti,ma detti in altro modo?Siccome apprezzo che Lei spiega le cose in modo molto semplice,mi potrebbe auitare?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Svetina, ci sono i pronomi personali con funzione di soggetto: IO canto, TU canti ecc.;
      ci sono i pronomi personali con funzione di complemento, questi si dividono in pronomi con funzione di complemento oggetto: io vedo Luca (complem. oggetto) = io LO (complemeto oggetto) vedo = io vedo LUI (complem. oggetto) e con funzione di complemento di termine: io telefono A LUI (compl. di termine) = io GLI (compl. di termine) telefono.
      I pronomi con funzione di complemento si dividono in tonici (con accento priprio): ha visto ME; ha visto TE; ha visto LUI; A ME piace il mare; A TE piace il mare; A LUI piace il mare,
      oppure atoni (senza accento proprio): MI ha visto; TI ha visto; LO ha visto; MI piace il mare; TI piace il mare; GLI piace il mare.
      un saluto
      Prof. Anna

  9. svetina scrive:

    Grazie mille,ora e meglio!!!

  10. svetina scrive:

    Ciao prof.Anna,grazie delle risposte!Vorrei capire,come il pronome partitivo NE si accorda con participio passato?grazie

  11. svetina scrive:

    Ciao prof.Anna,vorrei capire come si fa il pertecipio passato con la particella Ne? Avete cotto tutta la pasta?-No,neabbiamo cottocotta solo mezzo chilo. ecett.in certi esempi mi confondo!grazie(non so cosa a guardare)

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Svetina, è corretto “ne abbiamo cotta”, quindi il participio deve essere concordato.
      a presto
      Prof. Anna

  12. svetina scrive:

    Ciao prof.vorrei che mi dica quali sono aggettivi e pronomi e di che tipo sono è perchè,in queste frase?Sono in dificoltà a destinguerli! 1.Prendi il libro,il mio lo riordinerò domani.2.Se quei vestiti non sono vostri,chiedete a qualcuno se sa di chi sono.3.Ognuno decida se venire o no con me;chiunque di voi è ben accetto ma deve portare con sè qualche provvista.4.Questo giorno è importante per molti studenti,perchè ciascuno avrà il suo diploma.5.Tra tanti giocattoli ho scelto qesto,spero piaccia a mio nipote che festeggia oggi il suo compleanno.6.Ti stai preoccupando senza alcun motivo,infatti non è successo niente e i nostri rapporti sono quelli di prima. La ringrazio in anticipio!!!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Svetina, i pronomi sostituiscono il nome all’interno di una frase, per esempio: prendi i libri, quelli sul tavolo, in questo caso QUELLI è un pronome perchè sostituisce il nome LIBRI; mentre gli aggettivi aggiungono una qualità al nome: il libro bianco è sul tavolo, BIANCO è un aggettivo qualificatvo, ovvero aggiunge una qualità al nome.
      Gli aggettivi possono essere: qualificativi: aggiungono una qualità al nome;
      pronominali: questi aggettivi possono avere anche valore di pronome, per esempio: il mio (aggettivo) libro è sul tavolo, il tuo (pronome, sostituisce libro) è sulla sedia.
      I pronominali possono essere: possessivi (mio, tuo, suo ecc); dimostrativi (questo, quello); indefiniti (alcuno, nessuno, ciascuno ecc.); interrogativi ed esclamativi (che, quale, quanto, chi); numerali ordinali (primo, secondo, terzo ecc.) o cardinali (uno, due, tre ecc.).
      I pronomi possono essere: personali con funzione di soggetto (io, tu, lui ecc) e con funzione di complemento diretto (me, mi, te, ti, lui, lo, ecc) o indiretto (mi, ti, gli, le ecc.), possono essere relativi ( che, cui, il quale).
      Ora prova tu a distinguere quali tipi di pronomi e di aggettivi sono presenti in queste frasi, se hai ancora dei dubbi non esitare a scrivermi.
      a presto
      Prof. Anna

  13. cerco un aiuto non riesco a tradurre questa frasa.
    la mere n’avait qu’a tendre le bras.
    grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marc, questa frase si può tradurre così: la madre non doveva che allungare il braccio.
      a presto
      Prof. Anna

  14. kiki scrive:

    Signora, vorrei chiedere q.sa che ha a che fare con la particella ci. Quando la mettiamo al passato prossimo, cosa succede con il participio passato?

    Per esempio diciamo: Non credo a questa cosa. Oppure Non ci credo

    MA: All passato prossimo diciamo “Non ci ho creduta” (cioe? questa cosa) oppure “Non ci ho creduto” ???

    Inoltre, c’e’ una regola per quanto riguarda il troncament? Per esempio possiamo dire male di mare e anche mal di mare? e’ la stessa cosa?

    Grazie tantissimo, il Suo aiuto e’ per me molto utile.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kiki,
      1- quando abbiamo un passato prossimo con l’ausiliare avere, il participio passato non concorda con l’oggetto anche se c’è la particella CI, quindi è corretto: non ci ho creduto.
      2- è corretto dire: mal di mare; mal di testa; mal di pancia ecc.
      a presto
      Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kiki, vorrei approfondire il mio intervento attraverso una risposta data ad un altro lettore sullo stesso argomento:
      l’accordo del participio passato con il soggetto si capisce osservando il verbo ausiliare:
      – con “avere” rimane invariato:
      “Andrea ha mangiato”, “Sara ha mangiato”, “I bambini hanno mangiato”
      – con “essere” si accorda al soggetto:
      “Andrea è andato”, “Sara è andata”, “I bambini sono andati”
      Invece, il participio passato si accorda in alcuni casi all’oggetto. Questo è obbligatorio con i pronomi “ne, la, lo, li, le”. E’ giusto:
      “ne ho bevuti troppi” (di bicchieri di vino)
      “ho visto dei fiori e li ho comprati”
      In altri casi, l’accordo è facoltativo:
      “Lorenzo ci ha visti” oppure “Lorenzo ci ha visto”
      Invece,
      “Anna si è tagliate le unghie”
      “Ho mangiata una mela”
      sono forme corrette, ma sono molto più diffuse:
      “Anna si è tagliata le unghie”
      “Ho mangiato una mela”
      Per visualizzare questa risposta data nell’articolo “coniugazione dei verbi”:
      http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=58
      Spero in questo modo di aver chiarito meglio il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. kiki scrive:

    Signora, ho anche delle altre domande.

    1. Possiamo usare la parola qualche anche per le persone? Per esempio: Possiamo dire “C?e? qualche persona li dentro”? Inoltre, possiamo dire: “C?e? qualcuna persona li dentro”?

    2. Quando mettiamo qual e quando quale?

    3. Mi e? consegnato q.sa A fine maggio. Possiamo dire anche mi e? consegnato q.sa AL fine maggio?

    Grazie tantissimo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kiki,
      1- possiamo usare l’aggettivo “qualche” anche con le persone, tuttavia per dire “qualche persona” si usa più frequentemente il pronome “qualcuno”: c’è qualcuno lì dentro?
      2- usiamo “qual” davanti a una parola che inizia con una vocale (qual è?) e raramente anche davanti a consonante (qual buon vento).
      3- in questo caso è corretto usare la preposizione semplice A: mi è stato consegnato qualcosa a fine Maggio.
      A presto
      Prof. Anna

  16. kiki scrive:

    Signora grazie tantissimo. Le auguro buon Natale.

    • Zanichelli Avatar

      Grazie e buon Natale anche a te!
      A presto
      Prof. Anna

  17. Evi scrive:

    No, non ho ancora fatto questa cosa.

    Con il pronome diretto come si fa?

    No, non l’ ho ancora fatta o no, non l’ho ancora fatto ?

    Grazie milleeeeeee

    • Zanichelli Avatar

      Cara Evi, è corretto “non l’ho ancora fatta” perchè il participio passato concorda con l’oggetto.
      A presto
      Prof. Anna

  18. ines tn scrive:

    grazie prof Anna per la Sua disponibilità

  19. Omaira scrive:

    Molto buoni gli esercizi

  20. Arnoldas scrive:

    Cara Professoressa Anna, sarei molto grato se Lei mi spiegasse l`uso di una regola grammaticale. Nelle frasi “Quando si è giovani…”, “Se si è allogiato una volta…” la regola dice che nel caso della forma impersonale l`aggettivo e il participio passato prende la terminazione plurale. Penso che logicamente la terminazione possa essere singolare. C`è una spiegazione a proposito dell`uso della terminazione plurale o questo caso è solo un`abitudine linguistica?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Arnoldas, se il verbo vuole come ausiliare “essere” il participio passato è al plurale (si è partiti presto), mentre se il verbo originaramente vuole come ausiliare “avere” il participio passato rimane al maschile singolare (ieri si è dormito fino a tardi).
      Un saluto
      Prof. ANna

  21. Arnoldas scrive:

    Chiedo scusa, ho sbaglaito: la frase “Se si è allogiato..” non c`entra…

  22. Mauro scrive:

    Buon giorno gradirei avere un suo parere sulla questione riguardante l’utilizzo della forma atona dei pronomi personali li e gli, sopratutto riguardo all’uso di gli anche nella forma atona del dativo plurale maschile e femminile “a loro” (gli disse = disse a loro) come si trova spesso nei classici ed effettivamente si sta affermando nella lingua parlata.
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mauro, non so se ho capito bene la tua domanda, comunque usiamo il pronome indiretto “gli” sia per la terza persona maschile singolare (a lui), sia per la terza plurale (a loro), per la terza plurale possiamo però usare anche “loro”: ho detto loro di venire = ho detto a loro di venire.
      Un saluto
      Prof. Anna

  23. Erika Conti scrive:

    Salve!
    Mi potrebbe cortesemente spiegare l’uso del pronome diretto terza persona riflessivo “li”? Perche’e’ uguale al singolare e plurale? E in quali casi viene usato?
    Grazie mille
    Erika

    • Zanichelli Avatar

      Cara Erika, hai ragione a non capire, nell’articolo c’era un errore. Il pronome riflessivo di terza persona è uguale per il signolare e per il plurale ed è “si” (non “li”): lui si lava; loro si lavano.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. Erika Conti scrive:

    Perfetto, adesso si spiega!
    Grazie mille

  25. nora scrive:

    Prof.Anna
    So che il pronome diretto che corrisponde a la 3º persona singolare nella forma di cortesia è “La”.Qual é quello che corrisponde quando parliamo con un gruppo nella forma di cortesia? Vi o Loro? Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nora, per la forma di cortesia al plurale si usa “loro”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  26. nora scrive:

    Cara Professoressa Anna:
    Nell’uso del condizionale semplice e composto ,qual è la forma corretta?
    “Domenica prossima (fare)…farei.questa gita con voi,ma purtroppo non potrò venirci perché sarò all’estero”. o
    “Domenica prossima (fare)..avrei fatto.questa gita con voi,ma purtroppo non potró venirci perché sarò all’estero.
    Ho imparato che il condizionale composto si usa anche per un desiderio futuro quando sappiamo già che non può essere realizzato però nel libro appare come corretta la 1º frase e mi è sorto questo dubbio.Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nora, grammaticalmente sono corrette entrambe, ma la frase con il condizionale semplice esprime un desiderio o un’intenzione, mentre quella con il condizionale passato esprime un’azione che non si può realizzare sia nel presente che nel futuro, per cui forse in questo caso sarebbe più corretto usare il condizionale passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. nora scrive:

    GRAZIE MILLE ,PROFESSORESSA ANNA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  28. Adrienn scrive:

    Salve! Me lo potrebbe spiegare, per cortesia, perché si usa il pronome diretto anche quando il complemento oggetto é esplicito nella frase? Ad es. ‘Lo sapevi che P ha deciso di…’ oppure ‘Dove l’hai comprata questa gonna?’ ecc. Anzi, se ci penso bene anche nelle frasi come ‘ce le hai tu le chiavi, o no?’ l’uso del pronome é superfluo. Non riesco a capire. Grazie mille in anticipo!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Adrienn, a volte il pronome diretto si usa in maniera pleonastica, cioè è superfluo, non necessario, in quanto il complemento oggetto è già espresso, questo accade per dare più enfasi alla frase e si usa soprattutto nella lingua parlata.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Ho scelto i opzioni dello scorso test e questo test e li ho fatti tutti corretti e mi piace veramente. Lei è bravissima! Ho sognato in italiano in causa miei essercizi intensamenti e nel mondi del sogni ne parlo più rappido di in realita. Anche sogno in tedesco e inglese. Che trovo un segno bene.
    Con salutti cordiali dal Ollanda
    Anita

  30. mahsa scrive:

    io sono iraniana , e adesso imparo la lingua italiana me a me e’ olto difficile i pronomi diretti e indiretti

    sono sempe confusa :-(((((((((

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mahsa, benvenuta su Intercultura blog! I pronomi sono un argomento complesso, è normale essere confusi, ma vedrai che con un po’ di esercizio andrà meglio.
      A presto
      Prof. Anna

  31. Savio scrive:

    Salve Prof. Anna, gradirei avere da lei un po´ di chiarimenti per quanto riguarda i pronomi di complemento diretti e indiretti. In molte tabelle di questi pronomi, io vedo un po´ di confusione.
    Anche se io li uso molto bene, ma sto provando a insegnare l´italiano nel mio paese, e trovo alcune tabelle con delle informazioni non molto precise. Le sto inviando il link di un sito web che, mi pare sia il più giusto. Le chiederei gentilmente di dare un´occhiata, per verificarne la correttezza, e se io posso seguire questa tabella.
    La ringrazio in anticipo e complimenti per il bel lavoro in questo blog.
    Savio
    http://www.italianolinguadue.it/content/download/pronomi_personali_complemento_scheda.pdf

    • Zanichelli Avatar

      Caro Savio, la tabella che mi proponi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  32. ANABEL scrive:

    Ciao Anna! ho un dubbio importante! nella terza persona del plurale ai pronomi indiretti, solo possiamo usare la forma machile GLI? per esempio… lui gli dà ( a loro machile) molti compiti da fare. Se fosse lui gli dà ( a loro femminile) sarebbe LE DÀ?

    Ti ringrazio 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anabel, la terza persona plurale dei pronomi indiretti è “gli” (a loro) sia per il maschile sia per il femminile; si può anche usare un’altra forma, cioè mettere “loro” dopo il verbo: io chiedo a loro una penna = io gli chiedo una penna = io chiedo loro una penna. Il pronome “le” significa “a lei” e quindi è femminile singolare.
      Un saluto
      Prof. Anna

  33. ANABEL scrive:

    Quest’altra domanda professoressa me la può spiegare per favore? sto un po’ stancanta con i pronomi, li trovo difficili!!!

    I signori Francesconi si annoiano (annoiarsi) durante le vacanze. Roberto gli telefona (telefonare a loro) e li invita (invitare loro) alla festa.

    Questa è la correzione ma io penso che è sbagliata! Io direi Roberto LI telefona perchè penso che è un pronome diretto e li invita!!!se per esempio tu me dici chè posso dire gli telefona perchè è indiretto io credo che anche sarebbe indiretto gli invita, a chi? a loro, risponde bene alla domanda!

    Telefoni alla mamma ogni giorno? No, le telefono ogni settimana… io direi LA telefono perchè per me questo è un pronome diretto!!!

    grazie 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anabel, come giustamente dici i pronomi diretti rispondono alla domanda “chi? che cosa?” mentre i pronomi indiretti rispondono alla domanda “a chi?”; i verbi non reggono tutti gli stessi complementi, come in questo caso: il verbo “telefonare” regge un complemento indiretto introdotto dalla preposizione “a”: quindi si dice “telefonare a qualcuno” e NON: “telefonare qualcuno”, in questo caso bisogna usare il pronome indiretto: “io telefono a Luca” = “io gli telefono”; mentre il verbo “invitare” regge un complemento oggetto (complemento diretto), quindi si dice “invitare qualcuno” e NON “invitare a qualcuno”: “io invito Laura” = “io la invito”; quindi “io gli telefono e li invito a pranzo” e “io le telefono e la invito a pranzo”, “telefoni alla mamma ogni giorno?” “no, le telefono ogni settimana”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  34. ANABEL scrive:

    Professoressa, questo è un’altro esempio di quello che non capisco bene:

    Spesso le telefono e la invito a pranzo.

    Parla de Maria. Io direi spesso la telefono e la invito a pranzo. Se diciamo che è un indiretto, tutti due sarebbe indiretti perchè rispondono alla domanda a chi?

    Aspetto abermi spiegato bene cogli esempi. Grazie

  35. ANABEL scrive:

    La ringrazio per le sue spiegazioni!!! mi servono molto 🙂
    Volevo farle un’altra domanda:

    Marco spedisce il pacco a Luisa –> glielo spedisce
    Marco spedisce i pacchi a Giuliana –> glieli spedisce

    In questa frase abbiamo un pronome diretto e un’altro indiretto e li vogliamo sostituire. Diciamo glielo ma in realtà sarebbe (a Luisa=le; il pacco= lo) vero? Ma non suona bene si diciamo lelo spedisce o leli spedisce, cosi possiamo glielo o glieli…e cosí?

    E penso anche che quando in queste frasi possiamo il pacco a loro, a Lei, a lui, a lei… in tutte le terze persone sempre sarebbe glielo, solo è diverso il pronome diretto ( pacco o pachi).

    Grazie Anna 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anabel, quello che mi scrivi è giusto, “lelo” non esiste, useremo allora “glielo” o “glieli”.
      A presto
      Prof. Anna

  36. Grazie mile per questa informazione! Io sono Venezuelana e non aveva capito questa classe, quando ho visto questo sitio che spiega tutto in modo molto semplice e grazie a voi!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Dayana, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  37. Svetlana scrive:

    Ho tanta speranza imparare grammatica . Sono Russa.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Svetlana, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  38. eLiana scrive:

    Cara Prof.Anna… vorrei ringraziarla tantissimo!!!! ho trovato questo blog pochi giorni fa…e mi aiuta moltissimo perché sto insegnando la lingua ad un’amica…sono argentina-italiana.Vivo in Argentina. GRazie infinite per l’aiuto incondizionale!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Eliana, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  39. Yulisa scrive:

    Ciao

    Sono una studentessa di la lingua Italiana, mi piace molto il blog.

    Grazie

    Lima-Perú

    • Zanichelli Avatar

      Cara Yulisa, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  40. Gentile professoressa Anna,
    sono scomparse, o meglio non vediamo più in bacheca, le domande che le abbiamo posto a nome di Paolo e Stefania, pertanto gliele riscriviamo, con la speranza che possa risponderci.

    1) Nel caso della frase che segue, il verbo “andare” deve essere coniugato al plurale? “Il tuo compito si presenta come un caleidoscopio di riferimenti storici che “vanno” dalla prima guerra mondiale all’attentato dell’11 settembre 2011.”
    Il pronome “che” fa riferimento – mi scusi il gioco di parole – a “riferimenti storici” e non a “caleidoscopio”, diciamo bene?

    2) Nella frase ”Un partito diverso da quello che, invece, si è dimostrato di essere in questi ultimi tempi.”
    Il pronome giusto è “quello” o “quel”?

    La ringraziamo,
    Stefania & Paolo

  41. Maria Paola scrive:

    Non sono sicura di questa regola nell’uso dell’articolo: Si Dice La Madre Silvana o Madre Silvana?

  42. Miro scrive:

    Ciao,
    studio italiano due anni. Sono da Republica Ceca . Mi piace molto questo esercizio.

    Miro

    • Zanichelli Avatar

      Caro Miro, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  43. CARLOS scrive:

    Grazie prof. Anna, per tutto

  44. mezei scrive:

    qualcuno mi dice che sto facendo uso improprio della particella ne ,vorrei sapere se è corretta la frase: “c’è un gusto con nutella? Si ne abbiamo il ciaccissimo….oppure si ,ne abbiamo delle torte…. “grazie mille! possibile avere la risposta anche nella mia e-mail!?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mazei, l’so della particella NE nelle frasi che mi scrivi non è corretto, anzi è superfluo, la risposta alla domanda “c’è un gusto con la nutella?” può semplicemente essere “sì, abbiamo il ciaccissimo (è il nome di un gusto con la nutella?)”, ti consiglio di leggere questo articolo in cui vengono spiegati gli usi di questa particella: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=1930
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Prof.Anna :

    Grazie per il vostro aiuto ,che inoltre mi serve moltissimo visto che sto studiando la lingua italiana nell’Universita.a presto ,e gradirei continuase ancora.

  46. maria scrive:

    Gent.ma Prof.
    Sono un’assistente ai ragazzi di madrelingua straniera in una scuola media inferiore, il suo blog mi è molto utile anche perché la mia conoscenza dell’italiano è da autodidatta.
    Vorrei condividere con lei questa esperienza che sto facendo da 3 anni, perché mi ha arricchito tanto non solo per lo stimolo allo studio ma anche e soprattutto dal punto di vista umano.
    La ringrazio e buon lavoro.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, grazie per il tuo contributo.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  47. nicoletta scrive:

    gentile prof. Anna mi potrebbe dire 10 frasi con gli aggettivi e i pronomi possessivi

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nicoletta, prova a scriverle tu, poi io posso correggerle.
      A presto
      Prof. Anna

  48. nikos scrive:

    Salve prof. Anna
    un dubbio…
    diciamo “penso A te”
    ma anche “ti penso”….questo TI e diretto o indiretto?
    grazie mille in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nikos, il “ti” in questo caso significa “a te” e quindi introduce un complemento indiretto.
      A presto
      Prof. Anna

  49. Dino scrive:

    Ciao Prof. Anna, scrivo dagli Stati Uniti. Ho appena visto questo sito e già mi piace tantissimo!!! Io amo la lingua italiana ma ho dei dubbi su alcune cose e spero che possa chiarire questi miei dubbi. Nella frase “lui MI aspetta dopo scuola” questo “MI” e` un pronome diretto o indiretto? E pure perché non funziona con tutti i verbi? Per esempio e` sbagliato dire “lui Mi abita”, “lui Mi dorme”
    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dino, nella frase “lui mi aspetta” “mi” è un pronome diretto, significa “lui aspetta me” e quindi “mi” ha la funzione di complemento oggetto, con verbi che non reggono il complemento oggetto “mi” può significare “a me” per esempio: “mi piace” = “piace a me”; le frasi “lui mi abita” e “lui mi dorme” non sono corrette, le frasi non hanno un significato sensato, cosa vorresti dire con queste due frasi?
      Un saluto
      Prof. Anna

  50. grazie mille prof

  51. prof
    io vivo al cairo egitto.studiavo la lingua italiana la mia prpplema nella il pronome dertti e in dertti quando le usano? ce verbi transttivo contenua il mpronnome in deritti.cosa faccio?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ahmed, i pronomi diretti sostituiscono un complemento oggetto e quindi si usano con un verbo transitivo, i pronomi indiretti sostituiscono un complemento indiretto (introdotto dalla preposizione A) e si usano con i verbi intransitivi, anche i verbi transitivi possono però avere un complemento indiretto, mentre i verbi intransitivi non possono avere un complemento diretto, ti consiglio di leggere questo articolo sull’uso dei pronomi indiretti: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=789
      A presto
      Prof. Anna

  52. Rico scrive:

    Il verbo rispondere è un verbo intransitivo in alcuni significati; invece, in altri è transitivo, come in questo (dal dizionario): “Dire o scrivere in risposta: rispondi due righe per ringraziarla!”
    Ora, (dovrebbe essere corretta la seguente frase o no?): Io lo(= lui) rispondo e non gli(= a lui) rispondo, giusto? E la stessa cosa vale per: io la (=lei) rispondo e non le(=a lei) rispondo, corretto?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, si dice “rispondere a qualcuno” quindi bisogna usare i pronomi indiretti: “io gli rispondo” (rispondo a lui) “io le rispondo” (io rispondo a lei).
      Un saluto
      Prof. Anna

  53. Rico scrive:

    Scrivere, verbo transitivo. Lo (=lui) scrivo e non gli(=a lui) scrivo, giusto? La scrivo e non le scrivo, corretto? Al participio passato, quindi: l’ho scritto e non gli ho scritto, corretto?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, si dice “scrivere qualcosa a qualcuno” quindi si dirà “io gli scrivo una lettera” (io scrivo a lui una lettera) e “io le scrivo una lettera” (io scrivo a lei una lettera), quindi è corretto sia “l’ho scritto” se il pronome è diretto e funge da complemento oggetto, per esempio: “hai scritto tu questo messaggio?” “sì, l’ho scritto io” sia “gli-le ho scritto” se invece ci si riferisce al destinatario: “gli ho scritto una lettera” (ho scritto a lui una lettera).
      A presto
      Prof. Anna

      • Letizia scrive:

        Buonasera,
        Ho un dubbio: nel registro formale è corretto scrivere:” è tanto che non LA scrivo” oppure “è tanto che non LE scrivo”?
        Grazie
        Letizia

        • Zanichelli Avatar

          Cara Letizia, è corretto “è tanto che non Le scrivo” (=è tanto che non scrivo a Lei), mentre non è corretto “è tanto che non La scrivo”.
          A presto
          Prof. Anna

  54. RIco scrive:

    DI scrivere; dove ricava “scrivere qualcosa a qualcuno”? E di rispondere, “rispondere a qualcuno”? Sul dizionario, non ci sono tali spiegazioni, se non le sottolineature: transitivo e intransitivo… O forse dovrei interpretare io, ad es.: intransitivo di scrivere, scrivere a…?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, questa è la costruzione di questi due verbi, probabilmente se scorri gli esempi sul dizionario troverai queste costruzioni; entrambi i verbi sono transitivi e quindi reggono il complemento oggetto: “scrivere qualcosa” e “rispondere qualcosa” ed entrambi reggono anche il complemento di termine “a qualcuno” che è necessario visto il significato dei due verbi che necessita di un destinatario “scrivere a qualcuno”, “rispondere a qualcuno” e quindi di un complemento di termine.
      Un saluto
      Prof. Anna

  55. Reinaldo scrive:

    Cara Profesoressa Anna,
    Ho una demanda con il verbo spiegare

    Si può usare tutte due forme di pronomi? Per esempio:

    “Suo padre gli ha spiegato la storia di Roma” sono confuso al diré “Suo padre lo ha spiegato”.

    Un altro esempio: “L’ho conosciuta” ma io potrei dire anche: “Le ho conosciuta” (risponde la domanda “a chi”)

    Mi piace molto questo sitio web, sto imperando molto. Grazie per la sua risposta, Reinaldo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Reinaldo, il verbo spiegare è transitivo quindi possiamo usare il pronome diretto che ha funzione di complemento oggetto: “chi ha spiegato il problema’” “suo padre lo ha spiegato=suo padre ha spiegato il problema”; mentre se il pronome sostituisce un complemento di termine useremo il complemento indiretto: “suo padre gli ha spiegato la storia di Roma=suo padre ha spiegato a lui la storia di Roma”; mentre il verbo “conoscere” non regge un complemento di termine, non si può dire “conoscere a qualcuno” ma si dice “conoscere qualcuno” e quindi bisogna usare il pronome diretto “l’ho conosciuta”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  56. Rico scrive:

    Perché il verbo conoscere non regge un complemento di termine? Tenuto conto che è un verbo transitivo, per cui (un verbo transitivo) – Lei mi ha insegnato – “può avere sia il complemento oggetto (chi? che cosa?) che quello di termine (a chi? a che cosa?)”; ad es.: “ho chiesto (verbo transitivo) un consiglio (complemento oggetto) a Francesco (complemento di termine)”. Perché la costruzione di questi due verbi transitivi è diversa?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, non tutti i verbi transitivi reggono un complemento di termine infatti POSSONO averlo ma non è necessariamente così, dipende dal significato del verbo, ogni verbo ha la propria costruzione, “verbo transitivo” significa solo che regge un complemento oggetto, “conoscere” è transitivo e infatti regge il complemento oggetto “conoscere qualcuno”, non avrebbe senso “conoscere a qualcuno” in quanto “qualcuno” esprime l’oggetto diretto e quindi non è introdotto da alcuna preposizione.
      Un saluto
      Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, un verbo transitivo è un verbo che regge un complemento oggetto, questi verbi possono avere anche un complemento di termine ma non è sempre così, ogni verbo ha una costruzione diversa che dipende anche dal significato, per esempio “conoscere” è transitivo quindi si dirà “conoscere qualcuno”, questo verbo non necessita del complemento di termine in quanto non c’è un destinatario dell’azione ma sono un oggetto, mentre l’azione del “chiedere” può avere un detinatario (chiedere a qualcuno) e quindi reggerà un complemento di termine.
      Un saluto
      Prof. Anna

  57. Rico scrive:

    Sono andato a prendere a(?) nonna a Roma… Dato che il verbo “prendere” è un transitivo, la preposizione (a) non deve seguire il verbo succitato, giusto? E perché un verbo transitivo “può avere sia il complemento oggetto (chi? che cosa?) che quello di termine (a chi? a che cosa?)”. Per cui prendere a, non è sbagliato secondo la regola del verbo transitivo che può essere seguito sia dal complemento oggetto che dal complemento di termine…

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, non esiste una regola che dice che un verbo transitivo ha necessariamente un complemento di termine, ma è possibile che lo abbia, dipende dal verbo, quindi “prendere a qualcuno” è scorretto, ma si dirà “prendere qualcuno” in quanto “qualcuno” è un complemento oggetto e non è quindi introdotto da preposizione.
      A presto
      Prof. Anna

  58. Italia scrive:

    E’ giusto dire le do un assegno rivolto al mio interlocutore , o gli do un assegno,come sono stata corretta da un insegnante? Chiarisco che il mio interlocutore era un uomo.la prego di rispondermi ,perché io, ho sempre usato ,le offro una birra ,le do il giornale, e questo indifferentemente che si trattasse di un uomo o di una donna. Grazie. Italia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Italia, se ti stai rivolgendo al tuo interlocutore in modo formale e gli stai dando del Lei, allora è giusto usare “le” sia a un uomo che a una donna.
      Un saluto
      Prof. Anna

  59. doxos scrive:

    Salve!
    La frase seguente dovrebbe essere giusta:

    1) Non siamo riusciti a risolvere l’equazione.

    Vorrei sapere se è altrettanto giusta la seguente frase, o se magari vi è una questiona pleonastica in riferimento al pronome “la”, pur tuttavia accettabile:

    2) L’equazione non siamo riusciti a risolverla.

    Grazie!
    Doxos

    • Zanichelli Avatar

      Caro Doxos, anche la frase 2 è corretta, la ripetizione dell’oggetto tramite il pronome diretto “la” serve a portare l’attenzione in particolare su questo elemento della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  60. rico scrive:

    Hai detto che mi avresti/saresti aspettato. Sicuramente “mi avresti aspettato”, ma perché? Dato che la particella “mi” è quasi sempre seguita dal verbo essere:”Ha detto che mi sarebbe venuto a trovare”. Per cui qual è la regola?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, è corretto “avresti aspettato” in quando l’ausiliare del verbo “aspettare” è “avere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  61. Lalla scrive:

    Prof anna devo fare 3 frasi con i pronomi che sostituiscono il nome e 3 frasi con il significato proprio e nn li so perche ero assente

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lalla, ti faccio un esempio: “hai comprato le mele?” “sì, le ho comprate”, in questa frase il pronome “le” sostituisce “mele”; mentre non ho capito il secondo compito “tre frasi con il significato proprio”.
      A presto
      Prof. Anna

  62. Lalla scrive:

    Prof Anna devo fare alcune frasi con il significato proprio e nn li so me li potresti dire perfavore?

  63. Lalla scrive:

    Veloce mi serve per domani!!!!!!!!;)

  64. Viv scrive:

    Gentilissima Professoressa, mi rivolgo alla sua competenza per sciogliere un dubbio.
    È corretto dire:

    Ce ne si accorge oppure ci se ne accorge?
    All’interno di una prefazione di Madame Bovary che ho letto di recente, mi sono imbattuta nella prima formula, mentre la grammatica italiana mi pare la smentisca.

    Potrebbe fornirmi gentilmente una breve spiegazione che possa chiarire anche casi come:
    ce lo si deve aspettare/ci se lo deve aspettare?

    Grazie mille.
    Le auguro un buon proseguimento di serata.

    Viv

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viv, la forma corretta è “ci se ne accorge”, infatti in caso di combinazione di pronomi atoni l’ordine è: prima i complementi di termine e la particella “ci”, poi i complementi oggetto, poi la particella ‘si’ e per ultimo il partitivo ‘ne’.
      Un saluto
      Prof. Anna

  65. Anna scrive:

    Salve, complimenti per il Vostro lavoro: davvero utilissimo. Vorrei cortesemente un chiarimento in merito all’uso del pronome in contesti simili:
    – mamma patate e pomodori non li/le compra?
    Grazie dell’attenzione.
    cordiali saluti.
    Anna

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, in questi casi si usa il maschile: “non li compra”.
      A presto
      Prof. Anna

  66. Raffaele scrive:

    Cara Prof Anna le scrivo per dirle che il suo blog è meraviglioso grazie al suo blog riesco ha fare tutti gli esercizi sul pronome grazie mille 🙂 saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Raffaele, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  67. veronica scrive:

    buonasera,

    non riesco a speigare a mio marito spagnolo perchè si usa mettere questa sentenzia:

    LE farò sapere e NON La farò sapere

    es. stiamo parlando dando del LEI a un cliente le le vuole rispondere:

    LA farò sapere—però per me non è corretto!
    ma perchè? come le posso fare capire la motivazione?

    grazie mille per il suo aiuto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Veronica, è corretto dire “Le farò sapere” perché “le” è un pronome indiretto e significa “a lei” (a Lei se formale), la costruzione corretta è “fare sapere qualcosa a qualcuno”, quindi “farò sapere a Lei” = “Le farò sapere”, non è in alcun modo corretto dire “La farò sapere”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  68. ferra scrive:

    Caro Prof. Anna
    grazie mille a lei! noi sono iraniani che vogliamo venire in italia incui noi usiamo .

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ferra, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  69. ferra scrive:

    cara prof.
    volevo scrivere un curriculum ma non ho nienti nella mia menta di questa cosa. io spero che aiuti a me. grazzie mille.

  70. ferra scrive:

    grazzie mille . saluti

  71. Giovanni scrive:

    Gentile Prof. Anna, un altro dubbio.

    Quale delle due frasi è corretta: “Chi lo spiega a mia madre che ieri non ho potuto studiare?” oppure “Chi spiega a mia madre che ieri non ho potuto studiare?”. Con o senza il pronome “lo”?

    Grazie mille.

    Luca

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni sono corrette entrambe la frasi, nella prima frase la presenza del pronome -lo- rafforza il significato dell’enunciato.
      A presto
      Prof. Anna

  72. Mariela scrive:

    Prof Anna.
    Piacere per la sua auita!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mariela, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  73. Marco scrive:

    Buongiorno,
    Volevo sapere se i pronomi personali complemento possono svolgere la funzione solo di complemento oppure possono anche svolgere la funzione di soggetto in frasi passive. Ad esempio:
    -Che bello questo quadro
    -Me lo hanno regalato (forma attiva, “lo” svolge funzione di complemento oggetto, mentre “me” di complemento di termine)
    Alternativa
    -Che bello questo quadro
    -Me lo è stato regalato (forma passiva, “lo” svolge funzione di soggetto, mentre “me” di complemento di termine)
    Ecco, in questa ultima ipotesi è grammaticalmente sbagliata la frase finale?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, la frase su cui hai dei dubbi non è corretta, infatti in questo caso “il quadro” diventa soggetto quindi non sostiutibile con -lo- che ha la sola funzione di complemento oggetto, sarebbe corretto invece mantenere solo il complemento di termine in questo modo: “mi è stato regalato”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  74. nicola scrive:

    Buona sera prof. Anna
    Questa sera Eravamo tra amici chiacchierando e quando mi sono espresso nel seguente modo sono stato ripreso da uno di essi il con una certa sicurezza affermava che tale espressione non era grammaticalmente corretta, e cioè “io non lo rispondo”. Io vorrei sapere da lei se la predetta frase è corretta… grazie anticipatamente… saluti .. Nicola

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nicola, “rispondere” può anche essere un verbo transitivo che quindi regge un complemento oggetto in questo caso espresso dal pronome diretto -lo-, quindi grammaticalmente la frase non è scorretta ma non conosco il contesto in cui è stata usata quindo non posso dirti se è stata utilizzata correttamente o no.
      A presto
      Prof. Anna

  75. Felicita scrive:

    Buongiorno, nella frase: siete tutti invitati al cinema, il soggetto è sottinteso o è tutti?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Felicita, il soggetto sottinteso è “voi” in quanto il verbo è coniugato alla seconda persona plurale (voi).
      Un saluto
      Prof. Anna

  76. liliana scrive:

    Prof.Anna
    come la forma corretta?
    ho mangiato il salame, l’ho mangiato
    chi ha mangiato il salame? chi l’ha mangiato? chi l’ho mangiato?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Liliana, la forma corretta è: “chi l’ha mangiato”.
      A presto
      Prof. Anna

  77. Maria Lia scrive:

    Sono argentina studio alla Dante Alighieri e faccio errore completandoi testi con i pronommi doppi, riflessivi, oggetto diretto, oggetto indiretto ci e ne. Dove potrei trovare esercizi per praticare

  78. Pietro scrive:

    Salve a tutti,
    vorrei sapere se l’utilizzo del pronome diretto in concomitanza con il relativo complemento oggetto fosse considerato ammissibile, seppur superfluo, oppure “sbagliato” al pari di A ME MI PIACE.

    Penso a frasi di uso comune nel discorso diretto e.g:
    “LA vedi LA TORRE” o “LO vuoi IL PARMIGIANO”.

    Esiste una regola precisa al riguardo?

    Grazie mille,
    Pietro

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pietro, le frasi che mi scrivi sono corrette, la costruzione in questione si chiama dislocazione, in questo caso a destra, e serve a enfatizzare il complemento oggetto, per approfondire questo argomento ti consiglio il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/05/07/la-frase-con-enfasi/
      A presto
      Prof. Anna

      • Pietro scrive:

        Grazie mille, ottimo articolo. A proposito, l’uso del congiuntivo passato nella mia domanda è ammissibile? Non ci ho dormito:)

        • Zanichelli Avatar

          Caro Pietro, no, in questo caso non è ammissibile il congiuntivo imperfetto perché la frase introdotta da -se- non è un’ipotetica, ma un’interrogativa indiretta, quindi puoi usare l’indicativo: “vorrei sapere se l’utilizzo del pronome […] è considerato ammissibile”.
          Un saluto
          Prof. Anna

  79. SAHAR scrive:

    Salve prof. Anna
    volevo sapere meglio su ( sto benissima o benissimo per Maschile e Femminile) E perche’ ?
    La ringrazio.

  80. Hiascara scrive:

    Sono brasiliana e insegnante di italiano qui in Brasile e sempre faccio delle ricerche nel Suo blog per preparare le mie lezione……mi piacciono molto le Sue spiegazioni…..

    grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Hiascara, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  81. José scrive:

    Gentile prof. Anna,
    So che la forma di cortesia al singolare del complemento diretto, sia per il maschile che per il femminile, è “La”; ma per il plurale ho letto in alcuni siti web che è “Le”, in altri che è “Li” ed in altri “Loro”. Vorrei sapere quale è in realtà, tanto per il diretto come l’indiretto?
    La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Josè, la forma di cortesia al plurale non è molto usata, per rivolgersi a più persone in maniera formale di solito si usa “Loro”, peer esempio, rivolgendosi direttamente a più person: “vengono a cena con noi anche Loro (i signori Rossi)?”, quindi il pronome diretto sarà “Li”, per l’indiretto userei “Loro” collocato dopo il verbo.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • José scrive:

        Grazie mille prof. Anna. Ma adesso ho un altro dubbio, se la forma di cortesia al plurale è meno usata che al singolare , quando si deve utilizzarla?
        Per esempio se io ringrazio Lei, dico: “io La ringrazio”; ma se voglio ringraziare Lei e la Sua squadra di lavoro, io dovrei dire: “io Li ringrazio” o “io vi ringrazio”?
        Grazie tantissimo, il Suo aiuto è per me molto utile.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Josè, solitamente si dice “vi ringrazio”.
          Un saluto
          Prof. Anna

  82. ally scrive:

    prof.Anna non ho fatto neanche un errore trovo davvero utile questo blog
    -ally

  83. Ahmed scrive:

    Ho sempre una confusione tra i nomi diretti e indiretti . Ma quando ho letto la tua lesione ho capito bene. Ora vorrei chiederla se i pronomi indiretti si usa al passato collegando con participio passato ?

  84. Ema scrive:

    salve
    profesoressa Anna,
    per dimonstrare
    i che sonno atento e leggo bene i suoi esercizi, vorrei dire che ho trovato una parola che penso di non essere digitata corretamente è questa: “seuguiti” sarebbe seguitti…
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ema, ti ringrazio molto per la segnalazione, la forma corretta è “seguiti”.
      A presto
      Prof. Anna

  85. ana scrive:

    mi ha piaciuto moltissimo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ana, sono contenta che l’articolo ti sia piaciuto. Attenzione: il verbo “piacere” vuole l’ausiliare “essere”: “mi è piaciuto”.
      A presto
      Prof. Anna

  86. Sono Robson, un allievo della língua italiana, livello iniciale. Sto molto contento questo sito. Molto buono per imparare.
    Grazie tante!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Robson, benvenuto su Intercultura blog! Se hai dubbio domande non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  87. Cara professoressa!Leggendolo mi sorge una domanda.Essendo più sopra menzionato il fatto che il pronome “la”viene usato anche in conversazion cortese sia per uomini anche per le donne.Io ho una dubbio.Se dicciamo questa al passato prossimo.Ad esempio come sarebbe stato giusto usarlo.

    1 singnore rossi la ho detto che signora maria la ha aspettato molto.
    2Signore rossi l’ho detto che signora Maria l’ha aspettato molto.(cioè dico a te che signora maria ti ha aspettato molto)Allora si apostrofa al passato “la”usata in registro formale?

    Grazie tantto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Zari, la frase corretta è : “Signor Rossi, Le (=a Lei) ho detto che la Signora Maria l’ha aspettata molto”, ma è corretto anche non apostrofare, non è obbligatorio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  88. Mekhimer scrive:

    Cara Prof Anna,
    Vorrei sapere che siano giusti queste frasi.( Si può usare il pronome diretto in questo modo con l’inanimato)

    1) Copri il gelato? – Sì, compro lui.

    2) Voi leggete le riviste? – Sì, Leggiamo loro.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mekhimer, l’uso dei pronomi non è corretto, tu hai usato pronomi che si riferiscono a persone e non a cose, è corretto invece dire “sì, lo compro” e “sì, le leggiamo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  89. Mekhimer scrive:

    Cara Prof Anna,
    Vorrei sapere che siano giuste le risposte di queste due domande.
    ( Si può usare il pronome diretto in questo modo con l’inanimato)

    1) Copri il gelato? – Sì, compro lui.

    2) Voi leggete le riviste? – Sì, Leggiamo loro.

    Distinti saluti

  90. giuseppe scrive:

    Gentile Prof. Anna,

    Le scrivo in quanto mi sorge un dubbio in merito all’utilizzo dei pronomi diretti e indiretti. E’ molto frequente nell’italiano parlato, almeno quello che parlo e che sento parlare, usare frasi del tipo :
    allora (che dici) LA compro la maglietta?? e ora cosa gli dico a Giorgio?? L’hai vista la sua macchina nuova? ecc ecc Si nota quindi l’uso di un pronome ( che dovrebbe sostituire il nome) e del nome nella stessa frase, apparentemente con una funzione rafforzativa.
    Secondo Lei è un uso colloquiale accettabile, ma considerato errato in grammatica e quindi in forma scritta? E’ poi, secondo Lei, diffuso a macchia d’olio in tutta Italia o è solo una forma dialettale??
    grazie del prezioso aiuto
    Giuseppe La Terza

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, si tratta di un uso pleonastico dei pronomi che serve a enfatizzare una parte della frase, in italiano questa costruzione è abbastanza frequente, non è scorretta né nella lingua parlata né in quella scritta e non è una forma dialettale. I casi che mi proponi sono una dislocazione a destra (la compro la maglietta), questa costruzione è caratterizzata dalla presenza di un pronome sintatticamente superfluo collocato all’inizio della frase che anticipa un nome o un sintagma con funzione di complemento oggetto diretto o indiretto. Per ripassare questo argomento ti consiglio di leggere il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/05/07/la-frase-con-enfasi/
      Un saluto
      Prof. Anna

  91. Sasha scrive:

    il éxercie era buono, un po ‘troppo breve può essere

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sasha, benvenuto su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

      • Faycal Ch scrive:

        Prof.ssa Anna, per favore , puo spiegarci l’uso giusto dell’accordo del participio passato con il Lei della forma formale:
        posso dire:

        -Signor, L’ho chiamata ieri. o -Signor, L’ho chiamto ieri.
        -Signor, immagino Lei sia stata informata o -Signor, immagino Lei sia stato informato
        -Signor, Lei è molto generoso. o -Signor, Lei è molto generosa ?
        sono confuso!!!!!

        GRAZIE MILLE!!!

        • Zanichelli Avatar

          Caro Faycal Ch, in presenza di un pronome di cortesia solitamente l’aggettivo o il participio concorda al maschile o al femminile a seconda del sesso dell’interlocutore: Signore, L’ho chiamato ieri; Signore, immagino che Lei sia stato informato; Signore, Lei è molto generoso; tuttavia è possibile incontrare l’accordo al femmninile, benché sia raro.
          A presto
          Prof. Anna

          • Faycal Ch scrive:

            Grazie mille

  92. Kikaccs scrive:

    Ciao, professoressa Ana!

    Ho un dubbio sui pronomi atoni y tonici.

    Devo sostituire con l’oggetto: “prega i tuoi compagni di venire domani” Io ho scritto “prega LORO” e anche “Pregagli”, ma mi hanno detto che “Loro” non è più all”uso e gli non va, ma LI; cioè “pregaLI”. Perché utilizzare un pronome ATONO come tonico con un verbo transitivo come “pregare”.
    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Kikaccs, “pregare” in questo caso regge un complemento oggetto (i tuoi compagni), quindi non è corretto usare il pronome atono “gli” (a loro) oppure il pronome atono “loro” (col significato di “a loro”) che hanno la funzione di complemento di termine, ma è corretto usare “li” che è un pronome atono maschile plurale con funzione di complemento oggetto. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  93. Cara prof.ssa. Anna,
    L’altro giorno mi chiedevo quale sarebbe il pronome diretto nel trattamento formale essendo due soggetti con cui avrei parlato. Faccio degli esempi:

    Signorina, La posso invitare a cena?
    *Signorine, (Vi?) posso invitare a cena?

    Avvocato, L’avvertirò sul caso X.
    *Avvocati, (Vi?) avvertirò sul caso X.

    La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marcos, va benissimo usare “Vi” o “vi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Grazie davvero. Stavo scorrendo la pagina ed ho visto oggi che qualcuno ha posto lo stesso dubbio.
        Complimenti per l’impegno!! Un caro saluto da San Paolo del Brasile.

  94. Fredy scrive:

    Recien estoy en proceso de aprendizaje de italiano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fredy, benvenuto du Intercultura blog. Se hai qualche domanda, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  95. Prof. Anna!
    Tante grazie per tutte !
    Questo blog ê buonissimo.
    Mi chiamo Cecilia, sono argentina e sto imparando la lingua per pottere viaggiare per Italia
    Sono molto interesante le spiegazoni e anche le risposte alla gente.
    Grazie!
    Ci vediamo la prossima lezione
    Cecilia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cecilia, benvenuta su Intercultra blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      Ti faccio qualche correzione: “tante grazie per tutto”, “per potere viaggiare”, “sono molto interessata alla spiegazioni e anche alle risposte della gente”, “ci vediamo alla prossima lezione”.
      A presto
      Prof. Anna

  96. cristos scrive:

    ce qualche sito che posso trovare esercizi che riguardano tutti i fenomeni grammaticali??

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cristos, non so consigliarti un sito in particolare.
      A presto
      Prof. Anna

  97. JHAKELIN scrive:

    ciao io sono jhakelin e voglio sapere quale funzione svolge il pronome LO nella frase NO LO SO

    • Zanichelli Avatar

      Cara Jhakelin, “lo” in questa frase (non lo so) ha funzione di complemento oggetto.
      A presto
      Prof. Anna

  98. José scrive:

    Gentile prof. Anna,
    Ho un dubbio rispetto al verbo “invitare”, in spagnolo può significare anche offrire o regalare a qualcuno qualcosa di mangiare o bere, esempio “io invito Anna una birra”; non ho trovato questo significato nel dizionario per quello che mi domando se in italiano ha anche questo significato? questa frase è corretta? Se le risposte sono affermative, quale sarebbe il complemento oggetto ed il complemento di termine? Se le risposte sono negative, come si direbbe il fatto di pagare la birra dell’altra persona?
    Mille grazie.
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro José, in italiano il verbo “invitare” non ha questo significato, è necessario usare il verbo “offrire”: “io offro una birra ad Anna”, “ti offro la cena” (=offro la cena a te), “mi offri un caffè?” (=offri un caffe a me?).
      A presto
      Prof. Anna

      • José scrive:

        La ringrazio per la sua risposta, Prof. Anna, lei è molto gentile.

  99. José scrive:

    Gentile prof. Anna,
    Mi scusi ma ho un altro dubbio col verbo “invitare”, questa volta è rispetto alla costruzione grammaticale. Ho visto che dopo questo verbo può essere un sostantivo (esempio: “ti invito a cena”), o un verbo (esempio: “ti invito a ballare”); in spagnolo è anche così ma hanno differenti usi: se l’evento è determinato si usa il sostantivo (esempi: “ti invito alla cena di Natale” o “ti invito al ballo di gradazione”) e se l’evento è indeterminato si usa il verbo (esempi: “ti invito a cenare” o “ti invito a ballare”). Come è in italiano? Quando si usa il sostantivo e quando il verbo? È indifferente dire “ti invito a cena” e “ti invito a cenare” (non ho visto mai questa forma, è corretta?)? oppure “ti invito a ballo” (non ho visto mai questa forma, è corretta?) e “ti invito a ballare”?
    Molte grazie.
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro José, non c’è una regola generale, ma se usiamo il nome di un pasto è più comune il sostantivo (ti invito a cena), ma usare il verbo non è scorretto (ti invito a cenare con me), se la parola “ballo” ha il significato di “festa dove si balla” possiamo usarla ma preceduta da una preposizione articolata “ti invito al ballo”, mentre se l’invito è generico e si vuole specificare che l’azione che si farà è “ballare” usere il verbo “ti invito a ballare”. Con le parole “colazione”, “pranzo”, “cena”, “teatro” si usa la preposizione semplice “a” (ti invito a teatro) se si parla in modo generico, ma quando il nome è accompaganto da aggettivo o da complementi di specificazione ci vorrà la preposizione articolata (ti invito al pranzo di Natale, ti invito al nuovo teatro che ha aperto in città), negli altri casi solitamente si usa la preposizione articolata (ti invito al cinema, ti invito al ristorante).
      Un saluto
      Prof. Anna

      • José scrive:

        La ringrazio tantissimo per la sua risposta, Prof. Anna, come sempre è stata molto chiara. Il suo aiuto è per me molto utile.

  100. CAIO SONO Mounir voglio dire che questa lezione emolto interessante e utile ma cerco un metodo cosi facile per poter capire bene perche la grammatica e molto difficile a capire .Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mounir, benvenuto su Intercultura blog. Se hai delle domande non esitare a scrivermi.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  101. Maia scrive:

    Mi piacciono molto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maia, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  102. Prof.ssa Anna
    La página mi sembra molto interesante. Mi piacerebbe avere piu informazioni.
    Sono italo Argentina e parlo spesso la lingua italiana.
    La ringrazzio
    Georgina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Georgina, benvenuta su Intercultura blog! Quali informazioni vorresti avere? Per qualsiasi dubbio non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  103. Cecilia scrive:

    Grazie mille!

  104. Fabio scrive:

    1 – ” Non sporgerti troppo ” .
    2 – ” Non porgerti / porti in questo modo , maleducato ! ” .

    Per quanto riguarda la prima frase , crede sia scritta correttamente ? Se non sbaglio , abbiamo il pronome personale ” ti ” che si collega al verbo all’infinito ” sporgere ” . Se non erro , potremmo anche scrivere : ” Non TI sporgere troppo ” . In sostanza , potremmo o posporre il pronome personale al verbo ( NON SPORGERTI) oppure anteporlo ( NON TI SPORGERE ) .

    Per quanto riguarda la seconda frase , quale sarebbe il verbo giusto da usare ?

    Grazie mille !

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fabio, la prima frase è corretta (sarebbe possibile anche scrivere “non ti sporgere”), nella seconda è opportuno usare “non porti” dalla forma rifessiva “porsi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  105. Annemieke scrive:

    Gentile professoressa Anna,
    una domanda..

    una frase: Signora, io L’avrei accompagnatA volentieri…. (accordo tra pronome diretto LA e il participio passato)
    Se la frase diventa: Signore, io L’avrei accompagnat… volentieri… Qual è la desinenza giusta: -o (perché è un signore) oppure -a (perché si tratta sempre del pronome diretto, forma di cortesia La)??

    Grazie per il Suo aiuto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annemieke, in presenza del pronome di cortesia “lei” l’accordo con eventuali aggettivi o participi passati di solito si fa a seconda del sesso dell’interlocutore: “Lei, signor Rossi, è molto buono”; “Signor Rossi, lei è invitato alla cena”; “Signora Rossi, lei è invitata alla cena”. Se però, come in questo caso, l’allocutivo è in forma di pronome atono, il participio può accordarsi al femminile anche se ci si riferisce a un maschio: “Signore, l’avrei accompagnata volentieri”.
      A presto
      Prof. Anna

  106. Luigi scrive:

    Buonasera prof,
    ho un dubbio:
    Mangiandolo (verbo al gerundio unito al pronome) cos’è in analisi grammaticale?
    Grazie come sempre

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luigi, mangiando = voce del verbo “mangiare”, prima coniugazione, modo gerundio, tempo presente; lo = pronome personale atono con funzione di complemento diretto, terza persona singolare, maschile.
      Un saluto
      Prof. Anna

  107. klement scrive:

    Buona sera prof.ssa.
    “Ho comprato i biglietti e LI ho messi sul tavolo”.
    Non capisco perché LI, pronome diretto si chiama “di terza persona”
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Klement, “li” e “le” sono pronomi diretti di terza persona plurale perché si riferiscono a “loro” e “essi, esse”, così come “lo” e “la” sono pronomi diretti di terza persona singolare perché si riferiscono a “lui, lei”, “esso, essa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  108. andree scrive:

    Buona sera prof.ssa.
    “Ho comprato i biglietti e LI ho messi sul tavolo”.
    Non capisco perché LI, pronome diretto si chiama “di terza persona”
    Grazie

  109. andree scrive:

    Buongiorno,
    ho riletto questa lezione a testa chiara e ,
    vista la tabelle completa dei pronomi diretti, ho capito.
    Il termine “personali” nel esempio che ho scritto il 28.02.2018 mi ha turbato.
    Per favore non pubblicare la mia stupida domanda.
    Grazie

  110. Steffy scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,
    Mi potrebbe dire a che cosa si riferisce il pronome “lo”, per favore? Grazie.

    “Gli stranieri hanno la possibilità di scoprire immediatamente se un prodotto dichiarato ‘made in Italy’ lo sia realmente”.

    Saluti,
    Steffy

    • Zanichelli Avatar

      Cara Steffy, “lo” in questo caso sostituisce “made in Italy” (sia realmente made in Italy).
      A presto
      Prof. Anna

  111. Sahar scrive:

    Buona sera Profesoressa Anna,
    vorrei sapere in questa frase , (( l` )) con il verbo Essere e Avere , riguarda a i pronomi direti ?

    Solo un bambino su 5 non ha mai avuto un animale, Ma non c`e` solo l`avere, c`e` anche l`essere .
    si riferisce alla parola (( animale )) ?

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sarah, l’uso del pronome diretto in questo caso non è corretto. Nella frase che mi scrivi (l’essere e l’avere) -l’- sembra più un articolo determinativo e i due infiniti sembrano sostantivati.
      Un saluto
      Prof. Anna

  112. Prof. Anna
    Recien comienzo a utilizar este espacio. Creo que me facilitará aprender italiano. Gracuas.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  113. sink contenta

  114. Muhammad scrive:

    Non posso scrivere più Mi piace e basta