La pizza

Prof.Giacalone
Cibo,   Civiltà,   Storia

L’Italia è famosa in tutto il mondo per la sua cucina, per il suo mangiare. Puoi trovare ristoranti italiani in ogni parte del pianeta.

Oggi ti parlerò della pizza. Un piatto diventato famoso in tutto il mondo, dal Giappone agli Stati uniti d’America. Sì, ma quale pizza dirai tu? Ci sono tanti tipi di pizza, ma la "mamma di tutte le pizze" è la famosa pizza margherita. Ora conoscerai qualche curiosità su questo piatto cosi famoso e gustoso.

La pizza è simile al pane e alla focaccia, che sono cibi consumati dall’uomo fin dall’antichità. Il termine pizza ha un’origine incerta. Secondo alcuni, deriva da "pinsa", participio passato del verbo latino "pinsere", che significa pestare, schiacciare, macinare. Molte civiltà antiche che si affacciavano sul Mar Mediterraneo, come Egiziani, Greci e Romani, mangiavano delle focacce schiacciate fatte con chicchi di orzo pestati, acqua e condimenti vari. Possiamo considerare queste focacce gli antenati della nostra pizza.
Numerose sono le testimonianze di scrittori greci riguardanti una focaccia, da loro chiamata "maza". Nella Roma antica, invece si mangiavano la "placenta" e l’"offa" , preparata con acqua e orzo.

Nel Medioevo, in Italia erano mangiate focacce simili a quelle antiche, che avevano diverse varianti locali e diversi nomi. Queste focacce erano molte apprezzate sia dagli aristocratici che dal popolo.

 

Gli ingredienti fondamentali della pizza sono il pomodoro e la mozzarella, il tipico formaggio fresco. Questi ingredienti sono stati prodotti in Italia solo dopo due fasi storiche. I bufali sono stati reintrodotti nell’Italia del sud dai Longobardi, una popolazione germanica che ha governato l’Italia per due secoli dopo la caduta dell’Impero romano. Questi animali si sono diffusi in Lazio e in Campania e dalle bufale si ricava il latte per la produzione di mozzarella, detta proprio "di bufala".
Dopo la scoperta dell’America, sono state da lì importate nuove piante, tra cui i pomodori, già apprezzati dagli Atzechi. I pomodori si sono ambientati benissimo nel clima mite dell’Italia meridionale, dove hanno acquistato il colore rosso vivo: prima in America erano gialli. 
Così, alla fine del 1500, a Napoli sono disponibili i due ingredienti per condire la focaccia e creare la pizza. Nel 1700, la pizza viene preparata in forni a legna per essere quindi venduta per le strade e per i vicoli della città. Si afferma l’abitudine di mangiare la pizza non solo a casa o per le strade, ma anche presso i forni: nasce così la pizzeria, cioè il ristorante dove si mangia la pizza. La pizzeria tipica ha il forno a legna, il bancone di marmo dove viene confezionata la pizza, lo scaffale dove sono mostrati gli ingredienti, i tavoli dove i clienti la possono consumare.

In quel periodo, diventano famose le grandi famiglie di pizzaioli napoletani. Nel 1780, viene fondata da Pietro Colicchio la pizzeria "Pietro… e basta così", la cui tradizione è continuata oggi dall’"Antica Pizzeria Brandi”. Nel 1889, il miglior pizzaiolo di quell’epoca, Raffaele Esposito, marito della figlia di Enrico Brandi, ha fatto assaggiare la pizza al re d’Italia Umberto I e sua moglie Margherita. Raffaele Esposito realizzò per loro tre pizze: la pizza alla "mastunicola" (strutto, formaggio, basilico), la pizza alla marinara (pomodoro, aglio, olio, origano) e la pizza pomodoro e mozzarella (pomodoro, mozzarella, olio, basilico). L’ultima era stata realizzata proprio in onore della regina: i colori verde, bianco e rosso richiamavano intenzionalmente il tricolore italiano. La sovrana apprezzò così tanto la pizza che volle elogiare l’autore di queste bontà per iscritto. Ancora oggi la lettera di ringraziamento della regina è visibile nell’“Antica Pizzeria Brandi” a Napoli.
Per questo, il pizzaiolo decise di dare il nome della regina alla sua nuova pizza.  Da allora, la pizza con  pomodoro, mozzarella e basilico, si chiama “pizza margherita”. 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [16]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. simona scrive:

    Bravo! Grazie e Buon Natale!

  2. Grazie Simona
    buon Natale a te e a tutti i lettori di Intercultura Blog
    Prof. Valerio 😉

  3. lola scrive:

    E’ BELLISSIMA QUESTA STORIA,MOLTE GRAZE

  4. Anna scrive:

    Buona parte della giornata. Bella storia, ma che cosa vuol dire reitrodotti? da quale verbo deriva questa parola? non la trovo nel dizionario. Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna hai ragione, il verbo “reitrodotti” non esiste infatti c’era un errore, il verbo è invece “reintrodotti” se cerchi questo verbo sul dizionario lo troverai, significa “introdurre di nuovo”.
      a presto
      Prof. Anna

  5. Anna scrive:

    Grazie, Anna. I vostri testi mi aiutano parecchio nell’approfondimento della lingua. Salutoni dalla Russia!

  6. Kati scrive:

    Cara Professoressa,

    perché si scrive “pizza margherita” con minuscolo? Margherita non é il nome della regina?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kati, puoi trovarlo scritto sia minuscolo che maiuscolo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. jessica scrive:

    Ho appena trovato questo blog!!! WOW! I LOVE IT GRAZIE!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Jessica, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  8. ana scrive:

    cara professoressa
    questo blog me ha aiutato molto per gli esami finali del secondo corso.Io parlero degli abitudini a tavola degli italani anche della storia de la pizza. Grazie tante

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ana, benvenuta su Intercultura blog! Ti faccio qualche correzione: “questo blog mi ha aiutato molto per gli esami finali del secondo corso. Parlerò delle abitudini a tavola degli italiani e anche della storia della pizza”.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Ema scrive:

    Professoressa Anna complimenti! Che storia buona ed anche gustosa! Da noi in Brasile habbiamo pizza di tanta roba strana, ho visto una fatta com la banana e anche de carne-de-sol..
    Ema

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ema, la pizza si presta bene a essere rivisitata e quindi farcita a seconda dei gusti di chi la mangia, ma solitamente gli italiani preferiscono pochi ingredienti e di qualità. Attenzione, è corretto scrivere: “abbiamo pizze con tanta roba strana, ne ho vista una fatta con la banana”.
      A presto
      Prof. Anna

  10. Grazie mille prof Anna