Esercizio di grammatica

Prof.Giacalone
La lingua italiana

Salve, bentornati su Intrecultura blog
Oggi, ti propongo un altro esercizio per migliorare le tue conoscenze della lingua italiana!
Questa volta, ho scelto delle frasi semplici.

Prima devi leggerle, capirle e in fine devi scegliere la risposta corretta.
Attento, perché ci sono diversi distrattori, cioè errori intenzionali nelle frasi. Con questo esercizio puoi capire se hai bisogno di ripassare e migliorare il tuo italiano, usando libro di testo Noi. Con questo esercizio ripassi (cioè rivedi) alcune preposizioni, alcuni verbi e alcune concordanze.
Buon click e a presto 
Prof. Valerio Giacalone  

 

 

 Esercizio di grammatica

Ora fai clic sulla frase senza errori!

 

 

La frase corretta diventerà di colore verde.

   

  • 1.
    • Oggi, prendo il treno da Napoli
    • Oggi, prendo il treno con Napoli
    • Oggi, prendo il treno tra napoli
  • 2.
    • Maria è molto bella
    • Maria è molta bella
    • Maria è molto bello
  • 3.
    • Ieri sono andato a Roma
    • Ieri vado a Roma
    • Ieri andrò a Roma
  • 5.
    • Gli spaghetti sono molto gustosi
    • Gli spaghetti sono poco simpatici
    • Gli spaghetti sono molto bene
  • 6.
    • Secondo me, tu sei più bella di Carla
    • Secondo me, tu sei piu bella di te
    • Secondo me, tu sei più bella che lei
  • 7.
    • Alessandro telefona molte bugie
    • Alessandro chiama molte bugie
    • Alessandro dice molte bugie
  • 8.
    • Perché non dici Carlo di parlare piano?
    • Perché non dici a Carlo di parlare piano?
    • Perché non dici su Carlo di parlare piano?
  • 9.
    • Il pane è buono ma costa cara
    • Il pane è duro ma costa bene
    • Il pane è gustoso ma costa caro
  • 10.
    • L’Italia è un paese molto accogliente
    • L’Italia è un paese molta accogliente
    • L’italia è una paese molto accogliente

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [29]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Giulia scrive:

    Gentile sig. Giacalone
    credo che uno dei problemi piú grandi che abbiamo con la lingua italiana sono le preposizioni. Ho consultato vari libri di grammatica e spesso non sono molto chiari nell’esposizione.
    Potrebbe dirmi quando si usa “in” vicino ai mesi dell’anno, e anche la preposizione”a” quando bisogna aggiungere la “d”. Io ho il Microsoft Word e spesso quando metto la d davanti a vocale, me lo indica come errore.
    le chiedo scusa se la infastidisco continuamente per le mie richieste d’aiuto. ma per me lei é un grande punto d’appoggio.
    la ringrazio anticipatamente
    Giulia

  2. Cara Giulia
    le preposizioni rappresentano spesso un problema perchè non sempre ci sono delle regole ben precise. Con i mesi dell’anno hai diverse opzioni. Puoi dire “a gennaio”, “in gennaio”, “nel mese di gennaio” o “durante il mese di gennaio” se vuoi evidenziare la durata.
    Per quanto riguarda l’utilizzo della “a” o “ad” (la D viene chiamata eufonica) si usa davanti a vocale uguale, per esempio: “pensa ad andare bene a scuola”, “la chimica studia composti ed elementi”, non si usa davanti a vocale diversa: “pensa a evitare i guai”, “invita parenti e amici”
    Ricorda Giulia che non incorri in un errore di grammatica se scrivi diversamente. Alcuni editori e autori, per esempio, usano la D eufonica anche davanti a vocale diversa: “pensa aD evitare i guai”, “invita parenti eD amici”.
    La cosa più importante è essere coerenti. Se sceglie un tipo di utilizzo, dovresti stare attenta a fare sempre così. Non scrivere una vola “a evitare” e subito dopo “ad evitare”.
    un caro saluto e a presto
    Prof. Valerio

  3. Giulia scrive:

    Grazie,sempre molto gentile e disponibile.

    Mi raccomando non ci abbandoni mai, altrimenti non sapremmo cosa fare senza di lei.

    Giulia

  4. Grazie Giulia
    sono qui per questo! ci sarà una pausa estiva per qaunto riguarda l’inserimento degli articoli ma sarò sempre presente per moderare il Blog … tranne che per il periodo delle ferie… eh 8)
    a presto
    Prof.Valerio

  5. mina scrive:

    pro.giacalone voglio fare l’iscrezione ma non l’ho so come facio

  6. Ciao Mina
    in alto sulla destra, giù di archivi e link c’è uno spazio dove puoi scivere la tua email e ricevere tutti gli aggornamenti e le newsletter del Blog. Fammi sapere se è andato a buon termine
    a presto
    Prof. Valerio

  7. gigi scrive:

    komplimeti per il sito!!! … buon lavoro !! Jon

  8. Grazie Jon
    Facciamo del nostro meglio. Stai con “Noi”
    Prof. Valerio 😉

  9. anna scrive:

    salve,
    sono un’insegnante di italiano per stranieri.Le chiedo se esistono dei testi con letture semplici (o semplificate) per studenti principianti (che studiano l’italiano da due mesi circa). Intendo dire delle piccole antologie con racconti o saggi di attualità che abbiano difficoltà limitate e progressive. I miei alunni sono adulti. grazie, anna

  10. Ciao Anna
    la Zanichelli sta preparando qualcosa che credo potrà interessarti. Appena disponibile, ne daremo annuncio su questo sito. Continua a seguire questo blog: a partire da settembre, pubblicherò ogni settimana nuovi articoli semplificati per stranieri!
    a presto e grazie per aver scelto intercultura Blog
    Prof. Valerio 🙂

  11. mina scrive:

    PROF.GIACALONE CIAO SONO MINA FINO ADESSO NON RIUSCITO A FARE L,ISCREZIONE ME DAI UNA MANO PER FAVORE

  12. Certo Mina
    con piacere… in alto a destra trovi “benvenuti su intercultura Blog” scendendo troverai, sempre sulla destra gli argomenti trattati sul blog, poi sempre più in basso troverai iscriviti alla newsletter del blog per essere informata settimanalmente delle novità. Quì devi scrivere la tua email … fammi sapere!
    grazie per l’interessamento
    a presto Prof. Valerio 🙂

  13. mina scrive:

    l’ho fatto grazie prof. giacalone

  14. Grazie a te per aver scelto Intercultura Blog…
    buon lavoro 🙂
    Prof. valerio

  15. Dalva scrive:

    Carissimo prof.

    Studiare l’italiano su questo sito è MERAVIGLIOSO .
    Complimenti!
    Dalva ( Brasil)

  16. Grazie Dalva
    E’ anche meraviglioso avere studentesse che apprezzamo la lingua e la cultura italiana come te!
    Tra brevissimo riniziano gli articoli.
    A Presto
    Prof. Valerio

  17. amy scrive:

    le frasi erano troppo facili

  18. admin scrive:

    Cara Amy,
    fa piacere sapere che Lei non ha trovato alcuna difficoltà a svolgere questo esercizio: complimenti.
    Tenga presente che questo blog è rivolto anche a studenti senza alcuna conoscenza della lingua e dell’alfabeto italiani. Questi studenti devono essere guidati attraverso esercizi prima facili (come questo) e poi più difficili. Infatti, nell’introduzione il prof. Giacalone ha chiarito che in questo caso si tratta di “frasi semplici”.
    Cordiali saluti,
    Giovanni Enriques
    Zanichelli editore

  19. nia scrive:

    ciao tutti sono nia da georgia io legera qvesta blog e mi intersante ciao a presto.

  20. martha scrive:

    Ciao, sono straniera e mi fa piaccere trovare questo aiuto lei svolge un ottimo lavoro professore,grazie mile,e la prego scusi gli errori…tornerò sempre a imparare con le sue lezione.A presto!!!

  21. Ciao Martha
    Benvenuta su Intercultura blog. Non preoccuparti degli errori, fanno parte del naturale processo di apprendimento.
    Buona lettura e a presto 😉
    Prof. Valerio

  22. Roberta scrive:

    Gentile prof. Giacalone,

    vorrei chiederle una consulenza rispetto alla “d” eufonica. Io ho deciso di utilizzarla, secondo le regola, davanti a vocale uguale, ma mi chiedevo se non posso o devo,invece, concedermi un’eccezione, in espressioni consolidate dall’uso, come “ad esempio”, “ad occhi aperti” “ad ogni modo”. Al mio orecchio suona meglio anche “ad esse” etc. Come bisogna regolarsi?
    La ringrazio per la disponibilità,
    Roberta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Roberta, credo che tu possa proprio fare un’eccezione, soprattutto quando si tratta di espressioni così consolidate. L’uso della ‘d’ eufonica, secondo le indicazioni del famoso storico della lingua Bruno Migliorini, dovrebbe essere limitato ai casi di incontro della stessa vocale, quindi nei casi in cui la congiunzione e e la preposizione a precedano parole inizianti rispettivamente per e e per a (es. ed ecco, ad andare, ad ascoltare, ecc.), ma non è un errore usare la ‘d’ eufonica quando le due vocali congiunte dalla ‘e’ (o dalla ‘a’) non sono le stesse.
      A presto
      Prof. Anna

  23. Ludmila scrive:

    questo test è per bambini non per adulti 🙂

  24. deborah scrive:

    belli sti es. 🙂 😉

  25. antonino scrive:

    Buona giornnata,cerccavo una compinazione per il mio nipotino,come sipotrebbe dividere in sillabe il nome pastelle.
    desidero se possibile avere la risposta grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Antonino, “pastelle” si divide così: pa-stel-le.
      Un saluto
      Prof. Anna

  26. Eman scrive:

    Facile questo.
    É vero l’Italia è um paese molto accogliente!
    Sono stato quattro volte!

  27. Beatrice scrive:

    è molto acile l’ esercizio!!!