La badante

Prof.Giacalone
Famiglia,   La lingua italiana,   Lavoro

Ciao, come stai? 

Ecco per te un altro esercizio per migliorare il tuo italiano. 
Buon Intercultura blog

Prof. Valerio Giacalone

La badante

 In Italia, c’è un gran numero di anziani (cioè persone molto grandi di età). Inoltre nascono  pochi bambini. Siamo una delle nazioni più anziane del mondo. Questa situazione causa la richiesta di lavoro da altri paesi. Alcuni lavori sono molto richiesti e comuni, soprattutto quello della cura delle persone anziane. Questo lavoro è conosciuto in Italia con il nome di badante. Il nome  badante deriva dal verbo "badare" (cioè prendersi cura di qualcuno).  E’ un lavoro sopratutto femminile, ma esiste anche il badante. 
Qui sotto leggerai un dialogo tra una badante, una signora malata e sua figlia. Dopo la lettura rispondi alle domande vero o falso.  

Figlia: Ciao mamma, come stai? Questa è la ragazza che lavorerà da noi e si prenderà cura di te

Badante: Buongiorno signora.

Signora: (Sorridendo) Buongiorno cara, come ti chiami?

Badante: Tania.

Signora: Che bel nome! Da dove vieni?

Badante: Vengo dall’Ucraina.

Signora: Deve fare molto freddo lì, adesso.

Badante: Si, signora.

Figlia: Io devo andare. Vi saluto. Ci vediamo a fine serata, mamma. Tania rimane ogni giorno dalle 8:00 alle 17:00.

Badante: Tranne la domenica.

Figlia: Sì, tranne la domenica.

Signora: E la domenica? Rimango sola?

Figlia: No, mamma, ci siamo noi. Ora scappo. Sono in ritardo. Un grande bacio. Chiamo più tardi per sapere come stai. Tania, ecco il mio numero dell’ufficio. Puoi trovarmi lì se il cellulare non prende. Buon lavoro!

Signora: Vai tesoro, non preoccuparti per me. Vai piano, mi raccomando! Altrimenti Tania deve lavorare anche per te … (Tania ride)

Badante: Signora, come si chiama?

Signora: Io mi chiamo Anna e ho 74 anni! Sono vecchia ormai…

 

Badante: Ma cosa dice signora? Lei è giovane e ha un bel sorriso. Adesso ci sono io e vedrà che tutto andrà per il meglio. Se vuole le insegno anche un po’ di ucraino o preferisce il russo?

Signora: Mamma mia, se non sto male (ridono). E l’italiano? Come mai lo parli così bene?

Badante: L’ho studiato in un corso a Kiev per due anni, all’Università. Poi sono venuta qui in Italia nel 2003 e mi sono accorta che è molto importante conoscere bene la lingua italiana. Alcune mie amiche non trovano lavoro perché non parlano bene l’italiano.

 

Signora: Capisco.

Badante: Signora le preparo qualcosa di caldo? 

Signora: Sì, grazie: una bella tisana alle erbe. Bella calda e con del limone.

Badante: Sì, signora, vado subito. Le metto nel frattempo della musica?

Signora: Bella idea, grazie. Della musica classica … magari Schubert … il CD è sopra il comodino.

Badante: Certo, signora, non c’è problema …

(Dopo qualche minuto)

Badante: Ecco la tisana, signora …

Signora: Grazie, Tania, sei molto gentile

Badante: Signora Anna, ora la lascio per un po’ da sola. Devo fare la lavatrice, lavare i piatti e stirare i vestiti di suo marito e poi fare la spesa.

Signora: Si, vai pure Tania. Se ho bisogno di te, ti chiamo. Ora leggo il mio libro preferito. Prima di andare a fare la spesa, ricorda che devi passare in erboristeria per comprarmi una crema.

 

Badante: Certo, signora. A tra poco.

 esercizio di difficoltà A2

 

Esercizio: la badante

Scegli la risposta. Quella corretta diventerà verde.

 

  • 1. Tania è una ragazza ucraina
    • vero
    • falso
  • 2. La signora si chiama Maria
    • vero
    • falso
  • 3. La figlia non dà il numero di telefono del suo ufficio a Tania
    • vero
    • falso
  • 4. Tania parla molto bene la lingua italiana
    • vero
    • falso
  • 5. La signora Anna ama la musica classica
    • vero
    • falso
  • 6. Tania prepara una tisana alla signora
    • vero
    • falso
  • 7. Tania è in Italia dal 2002
    • vero
    • falso
  • 8. La signora Anna ha 84 anni
    • vero
    • falso
  • 9. Tania lavora dalle 8:00 alle 17:00
    • vero
    • falso
  • 10. Tania non deve andare a fare la spesa
    • vero
    • falso

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Moooolto bravo,Lei siete veramente buoni

  2. Ciao Lenka, come stai oggi?
    Grazie per i complimenti 8)
    mi permetto di correggerti la frase
    Quando si da del “Lei” si usa il verbo alla terza persona singolare. Dunque lei è veramente buono. Ricorda che buono si riferisce a caratteristiche di bontà, del carattere, della personalità. Meglio usare bravo se ti rifersici ad abilità, o capacità nel saper fare.
    p.s. comunque sono anche buono 🙂
    A presto
    Prof. Valerio Giacalone

  3. Martha scrive:

    Bello se è cosi il rapporto tra gli italiani e le sue badante.Spero anche io trovare delle persone cosi gentille,fino oggi ho conosciuto delle persone molto carine qui,e mi fanno sentire a casa.Grazie anche a lei Professore Giacalone per aiutarci a noi stranieri a ritrovarci qui.Per me è un vero piacere imparare la vostra bellissima lingua e rica cultura.La prego se può correggere i miei errori lo faccia pure.A presto e buon lavoro.

  4. salve professore,come sta ? si vede che é il periodo delle vacanze, non ho ricevuto da un po i vostri e-mail. Come mi piacerebbe fare come Gill : stabilirmi in Italia ma oramai e un po difficile . Ogni tanto vado sul vostro sito e rifaccio gli esercizi , per me é un contatto importante . La saluto e buone vacanze prof. Valerio, a presto

  5. denise scrive:

    Buongiorno,

    sarebbe utile ed intaressante pubblicare delle schede lessicali, per esempio: la famiglia (con vocabolario e immagini relative), la casa, il cibo, l’aeroporto, ecc

    Cordiali saluti