I saldi

Prof.Giacalone
Lavoro,   Negozi

Buongiorno. Come stai?
In tutta Italia, dopo l’ultima festività, l’Epifania, ci sono i saldi. La gente può comperare vestiario a buon prezzo. In tutte le città, i negozi espongono (cioè mettono fuori, appendono) nelle vetrine il cartello con scritto “SALDI”. 
Gli Italiani amano molto questi giorni. Si sentono più ricchi. L’abbigliamento costa dal 20% al 50% meno e a volte si trovano anche sconti maggiori. Non è raro trovare file di persone che aspettano fuori dai negozi, desiderose di fare l’acquisto della loro vita. 
Spesso si compra non per un reale bisogno ma per il gusto di comprare in saldo e per dimostrare poi alle amiche o amici quanto si è bravi nel fare affari. In realtà, il vero affare è non comprare qualcosa di cui non si ha affatto bisogno. Il vero rammarico (cioè dispiacere) è che non ci siano anche saldi per le case, il cibo e le automobili…

 

Ora leggi il dialogo tra una commessa e una cliente e poi rispondi alle domande vero o falso e … buone compere … 

Prof. Valerio Giacalone

 

 

 

 

 

 

Cliente: Buon pomeriggio

Commessa: Buon pomeriggio, posso aiutarLa?
Cliente: Sì, grazie, vorrei vedere quel maglioncino esposto in vetrina.
Commessa: Certo subito, quale taglia?

Cliente: La 44 in colore rosso.

Commessa: Un minuto e sono subito da Lei… Eccola, però in rosso non c’è più. Mi è rimasta solo nera e blu della sua taglia! Sa, siamo in saldi e non sempre si trova quello che si cerca …

Cliente: Capisco, provo il maglione nero. Dove posso cambiarmi?
Commessa: In fondo a sinistra ci sono i camerini, dove può provarlo.

 Dopo qualche minuto …

Commessa: Come va?
Cliente: Perfetto, grazie. Ma ne ho uno simile a casa.
Commessa: Signora, ha ragione, ma è un maglione al 50% di sconto … 30 euro invece di 60 euro. Con 30 euro non si mangia neanche una pizza oggi: è un maglione regalato, caldo, elegante, di qualità, made in Italy, fabbricato in Italia per capirci, 100% lana. Dopo un anno questo maglione è ancora nuovo.
Cliente: Va bene, lo prendo, si può pagare con la carta di credito?
Commessa: Certo, Signora, la forma di pagamento che desidera, per noi non fa differenza: siamo qui per Lei.
Cliente: Eccola … 
Commessa: Un documento, per favore.
Cliente: Non c’è l’ho con me, mi dispiace.
Commessa: Non fa niente, Signora, è come se La conoscessi già. Ecco qua, una firma, prego.
Cliente: Bene, grazie e arrivederci!

Commessa: Venga a trovarci quando vuole.

 

Ora rispondi alle domande.

Scegli la risposta. Quella corretta diventerà verde.

 Esercizio di livello A2

 

 

  • 1. Ci sono i saldi.
    • vero
    • falso
  • 2. La signora prova un maglione verde.
    • vero
    • falso
  • 3. La taglia della signora è 44.
    • vero
    • falso
  • 4. Il maglione è al 30% di sconto.
    • vero
    • falso
  • 5. I camerini sono in fondo a sinistra.
    • vero
    • falso
  • 6. La signora vuole pagare in contanti.
    • vero
    • falso
  • 7. La signora ha con sé il passaporto.
    • vero
    • falso
  • 8. La scena si svolge di sera.
    • vero
    • falso
  • 9. Il maglione è fabbricato in Italia.
    • vero
    • falso

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Barbara scrive:

    Salve, ho da pochissimo scoperto questo sito, è fantastico! Ci si trova di tutto ed è fondato su principi di cui io sono fermamente convinta: l’importanza della cultura, dell’essere rispetto all’avere, di insegnare attraverso testi che servano a insegnare non solo la grammatica, ma anche la cultura di un Paese.
    Solo per caso ho visto che vi è scappata la parola “Parrucchiere”, il titolo del dialogo su riportato con una c sola. Non voglio essere pedante,
    con ammirazione
    Barbara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Barbara, grazie per la segnalazione, ma in questo articolo non riesco a trovare la parola “parrucchiere”, se mi indichi meglio dove l’hai letta posso corregerla al più presto.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Alle fine delle ogni stagione, abbiamo in Ollanda anche soldi e compriamo anche al 50% di scronto. Cosi ho comprato alla fina della estate un’occhiale dal sole che si possa indossare sopra l’occhiali normali, che mi fa più bella e sono molto contenta per un pagamento di € 20,- invece di € 40,-. È di un qualita alta. Ne polarizza la luce ultra violett. Con mio smartfone all’orecchio, parlando l’italiano, ho molto divertimsnto.
    Questa storia e oltre storie ho scritto anche in italiano e ho racontrato anche con alto voce per esercirmi.
    Questo e anche inparando.
    Con salutti cordiali dal Ollanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, è molto positivo che tu scriva così tanto, vedrai che sarà molto utile; ti correggo alcuni errori, ti scrivo le frasi già in modo corretto:
      1- alla fine di ogno stagione, anche in Olanda abbiamo i saldi e compriamo anche al 50% di sconto;
      2- … sopra gli occhiali normali;
      3- …sono molto contenta perché ho pagato 20 euro invece di 40;
      4… è di alta qualità. Polarizza la luce ultravioletta. Con il mio smart phone all’orecchio, parlando l’italiano, mi diverto molto. Ho scritto questa e altre storie in italiano e le ho raccontate ad alta voce per esercitarmi. Anche questo è imparare.

      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  3. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Mi piace veramenta, che correremi; ne scrivo in combinazione con che ho scritto correttamente e cosi le frase diventeranno ance belle. Tutti insieme mi piace enorme. Quando ho visto le gente guargami pensando :”che on costoso telefonando”, mi è venuto da ridere, perche prima ho pensato in italiano, ma automaticamente ho inziato di parlare con mia voce alto e per non senbrare sinile, ho messo il mio smartfone al mi’orecchio. Con questi occhiali da sole sul mio viso, mi sembro un’italiana. Una delle amice mie, chiavevo fatto la insegnante francese alla scuola, trova anche un miracolo, che impro l’italiano cosi rappidamente.
    Con piacere continuo cosi. Mio inglese e tedesco ho imparato anche cosi e esaendo in Badenwürtembergo in Allemania, con miei parenti, ho imparato questo dialetto in un mese.
    Cordiali salutti dal Ollanda
    Anita